smartphone

Attualmente il collezionismo è un qualcosa che si sta espandendo sempre di più in tutto il Paese ed è in fortissima espansione. Di fatto, ci sono una marea di collezionisti che farebbero di tutti per ottenere oggetti rari e preziosi come possono essere le monete o gli smartphone vintage. Andremo a parlare di questi ultimi nel dettaglio in questo articolo.

Come detto prima, molti collezionisti sarebbero disposti a tutto pur di prendere questi modelli e farli propri, essenzialmente per due motivi: il primo è che sono molto rari, il secondo è che possono valere una cifra davvero molto alta. Scopriamo di seguito maggiori dettagli a riguardo.

Smartphone vintage: gli esemplari che tutti cercano

I modelli di cui andremo a parlare dopo possono essere considerati da tutti delle vere e proprie pietre miliardi della telefonia mobile. Chi ha avuto la possibilità di vivere negli anni ’90 sa chiaramente di cosa stiamo parlando.

Questi modelli avevano a disposizione delle funzioni non troppo difficili e non disponevano di app o sistemi operativi su cui fare affidamento. L’unica cosa su cui c’era grande affidabilità era senza ombra di dubbio la batteria, la quale poteva essere considerata davvero inesauribile. Andiamo a vedere da vicino quali sono gli smartphone del passato che oggi possono valere una fortuna:

  • Ericsson T28 (valore 100 euro);
  • Nokia 8810 (valore 100 euro);
  • Nokia 3310 (valore 150 euro);
  • Motorola Razr V3 (valore 150 euro);
  • Motorola StarTAC (valore 150 euro);
  • Nokia E90 Communicator (valore da 200 a 500 euro);
  • Nokia 9000 Communicator (valore 500 euro);
  • Mobira Senator (valore 1000 euro);
  • Apple iPhone 2G (valore da 400 a 1000 euro);
  • Motorola DynaTAC 8000x (valore 1000 euro).