WhatsApp, stando alle ultime indiscrezioni di giornata, sta attualmente lavorando per implementare una funzione che per tanti utenti si rivelerà estremamente utile: la possibilità di ottenere una trascrizione dei messaggi vocali.

Negli ultimi tempi, pur suscitando l’ilarità di Telegram (e non solo), WhatsApp sta aggiungendo numerose funzioni utili, alcune delle quali erano richieste a gran voce dagli utenti da tempo immemore. Scopriamo insieme tutti i dettagli.

 

WhatsApp al lavoro su una nuova funzione

L’applicazione, come appena anticipato, sta aggiungendo numerose funzioni utili, alcune delle quali erano richieste a gran voce dagli utenti da tempo, basti pensare alla migrazione delle chat da iOS ad Android e viceversa, alla funzione multidispositivo e alla crittografia end-to-end anche per i backup appena annunciata. In mezzo a tutto questo era inevitabile che un occhio di riguardo venisse riservato ai messaggi vocali, una delle funzioni più usate (e abusate) di WhatsApp. Nei mesi addietro è arrivata per tutti la possibilità di modificare la velocità di riproduzione dei messaggi vocali, inoltre ci sono altre novità pratiche e grafiche in preparazione.

Alla prima categoria appartiene anche quella di cui parliamo oggi: sono emerse le prime tracce della trascrizione dei messaggi vocali in WhatsApp. Lo stesso risultato era già ottenibile grazie ad un’applicazione terza di cui vi avevamo parlato in un approfondimento, tuttavia in questo caso parliamo di una funzione integrata. La trascrizione dei messaggi vocali viene vista all’opera su WhatsApp per iOS e il funzionamento non richiede che il messaggio da trascrivere venga inviato ai server di WhatsApp o Facebook, è Apple ad occuparsene.

Stando a quanto si legge, i messaggi vocali verranno impiegati da Apple per migliorare la propria tecnologia di riconoscimento vocale, ma non saranno direttamente riconducibili all’identità dell’utente. Si tratta di una funzione opzionale, dunque utilizzarla o meno è una libera scelta dell’utente, e richiede la concessione di un permesso particolare. Una volta accordato, il servizio è sfruttabile mediante la nuova sezione “Trascrizione“, che consente anche di saltare da un punto all’altro del messaggio vocale. Allo stato attuale non è ancora disponibile neppure per WhatsApp Beta.