call center

Il 28 luglio in India, secondo le informazioni rilasciate, sono stati arrestati alcuni dipendenti di un call center truffa, impegnati nell’effettuare e ricevere chiamate impersonando funzionari governativi del Dipartimento delle dogane e della protezione delle frontiere. Tutto questo secondo quanto ha dichiarato il vice commissario di polizia Urvija Goel.

I due proprietari insieme a 63 centralinisti sono stati trovati sul posto“, ha aggiunto. Le fonti hanno confermato il modus operandi: i truffatori chiamavano le vittime ignare fingendosi funzionari del governo, cercando di costringerli ad un pagamento rapido per risolvere il problema. Molte chiamate sopratutto in America, Europa e alcune zone del medio/oriente.

Hanno estorto denaro alle vittime all’estero nel nome di salvarle da azioni legali e arresti. Mercoledì, una squadra di polizia ha condotto un raid al call center di Hari Nagar dove molte persone erano impegnate a fare e ricevere chiamate internazionali“, ha detto Goel. , secondo il Times of India.

Attenzione alle chiamate finte

La truffa iniziava tramite una robocall preregistrata che si fingeva un dipartimento legale, secondo India Today. Alle vittime del regime sarebbe stato detto che avrebbero dovuto affrontare un’azione legale. È stato anche chiesto loro di trasferire denaro dai loro conti bancari su carte regalo elettroniche.

Durante il raid della scorsa settimana, la polizia ha affermato di aver sequestrato 58 computer, due laptop, router Internet e dati trovati su dispositivi elettronici.

La polizia di Delhi non ha risposto immediatamente alla richiesta di Newsweek di ulteriori informazioni sugli arresti.

All’inizio di questo mese, le autorità indiane hanno dichiarato di aver scassinato un falso call center a Calcutta, dove i chiamanti si sarebbero spacciati per dipendenti del dipartimento di assistenza clienti di Amazon, secondo quanto riportato da India Today.

La polizia di Calcutta ha condotto un raid a luglio e ha affermato di aver arrestato 11 persone in relazione al piano.