ritorno al futuro

La Delorean DMC-12 (comunemente denominata semplicemente DeLorean in quanto unico modello prodotto dall’azienda) è un’auto sportiva prodotta dalla Delorean Motor Company di John Delorean per il mercato americano nel 1981-82. Dotata di porte ad ali di gabbiano con un “sottoscocca” in fibra di vetro a cui sono fissati pannelli in acciaio inossidabile spazzolato non strutturale, l’auto è diventata iconica per l’aspetto che prese nella trilogia cinematografica di ritorno al futuro.

Ultimamente, il duo iconico che ha guidato la Delorian a spesso nel tempo, ha deciso di riunirsi mostrando su Instagram una foto che li ritrae insieme all’auto.

Sembra passato ormai molto tempo dall’uscita del film

Sono passati 35 anni da quando la coppia è apparsa per la prima volta sul grande schermo da Ritorno al futuro. Gli attori, che hanno interpretato Marty McFly e Doc Brown nell’iconico film del 1985: Ritorno al futuro, prendendo parte alla riunione durante l’evento e firmando degli autografi.

Deliziando i fan, Michael ha pubblicato uno scatto sulla sua pagina Instagram ufficiale insieme alla didascalia: “Back to back #backtothefuture”. A marzo Michael e Christopher hanno partecipato a un torneo di poker di beneficenza che mirava a raccogliere fondi per la Michael J. Fox Foundation for Parkinson’s Research.

A Michael è stato diagnosticato il Parkinson quando aveva solo 29 anni. Da quando ha parlato pubblicamente sette anni dopo, ha fatto una campagna per una maggiore ricerca sulla sua condizione.

Ricordiamo le specifiche che l’hanno resa famosa

Sotto la DMC-12 si trova uno chassis sviluppato da Lotus. In effetti, è lo stesso telaio che è stato utilizzato nella Lotus Esprit dello stesso periodo, e anche Colin Chapman ha dato una mano nel progetto. La DeLorean utilizza anche la stessa sospensione dell’Esprit, dove però le cose diventano un po’ diverse è sotto il coperchio del motore.

Conosciuto come Peugeot-Renault-Volvo V6, ha trovato vita in molte auto, inclusa la Alpine GTA Turbo. Nella DeLorean, però, è arrivato senza la spinta aggiuntiva. A differenza dell’Alpine, che produceva circa 200 CV, la DMC-12 più pesante doveva accontentarsi di soli 130. A seconda della configurazione, l’auto con carrozzeria in acciaio inossidabile pesava da oltre 3.100 kg.