I film hanno sempre rappresentato la tempesta solare come un potenziale killer dell’umanità, adesso dovranno cambiare idea. Uno studio rivela infatti che una vera catastrofe di questo genere, avrebbe nel mirino un’altra vittima ideale.

Tempesta solare: la vittima preferita sarebbe internet

Ebbene si, secondo gli esperti una vera tempesta solare provocherebbe danni tali da mandare fuori gioco tutte le connessioni internet del mondo. Le conseguenze di uno scenario simile sarebbero disastrose.

blank

Durante la conferenza sulla comunicazione dei dati Sigcomm 2021, esperti e ricercatori si sono mostrati abbastanza preoccupati per i risultati ottenuti dalle loro ricerche.

Per definizione, “una tempesta solare è un disturbo della magnetosfera terrestre, di carattere temporaneo, causato dall’attività solare e rilevabile dai magnetometri in ogni punto della Terra.”

blank

Questo fenomeno danneggerebbe principalmente i cavi sottomarini, la via principale che dirama la connessione internet in tutto il mondo. Non è finita qui. Si pensa inoltre che anche riuscendo a ristabilire le connessioni, si potrebbero avere interruzioni sporadiche anche nel lungo periodo.

Nell’era tecnologica e automatizzata in cui viviamo, l’assenza di connessioni stabili causerebbe problemi in tutti gli ambiti. Dai macchinari automatizzati, i lavori da casa, le automobili fino ad arrivare ad una semplice operazione bancaria. in pratica, si farebbe un salto indietro nel tempo.

tempesta-solare-gli-scienziati-ci-salveranno-dai-blackout

L’infrastruttura generale sembra quindi non essere pronta a contrastare un avvenimento simile. Questo è dovuto al fatto che le ultime tempeste solari hanno avuto luogo negli anni 1859, 1921 e 1989. Capirete bene che allora non si pensava ancora ad una espansione così grande delle reti internet.

Insomma, una tempesta solare potrebbe spegnere internet e causare grandi danni alla società moderna. Speriamo che i ricercatori siano all’opera per adattare l’infrastruttura mondiale così da poter evitare un eventuale danno.