vita extraterrestre

L 34-26 è una stella nana di tipo M3 situata a 35 anni luce di distanza nella costellazione del Camaleonte.

Conosciuta anche come COCONUTS-2A e TYC 9381-1809-1, la stella ha circa un terzo della massa del Sole e ha tra i 150 e gli 800 milioni di anni.

Il pianeta appena ripreso, chiamato COCONUTS-2b e precedentemente noto come WISEPA J075108.79-763449.6, ed è 6,3 volte la massa di Giove.

Orbita intorno alla stella madre una volta ogni 1,1 milioni di anni a una distanza di 6.471 AU (unità astronomiche).

Gli astronomi stimano che la temperatura del pianeta sia di circa 434 K (161 gradi Celsius o 322 gradi Fahrenheit).

A causa della sua orbita ad ampia separazione e della fredda stella ospite, i cieli di COCONUTS-2b apparirebbero drammaticamente diversi a quelli sulla Terra.

Il secondo esopianeta piu’ grande

Con un pianeta enorme su un’orbita di separazione super ampia e con una stella centrale molto fredda, COCONUTS-2 rappresenta un sistema planetario molto diverso dal nostro sistema solare“, ha affermato Zhoujian Zhang, uno studente laureato presso l’Istituto di Astronomia, presso l’Università delle Hawaii a Manoa.

Secondo il team, COCONUTS-2b è l’esopianeta fotografato più vicino alla Terra conosciuto fino ad oggi.

Il mondo alieno è anche il secondo più ampio (dopo TYC 9486-927-1b con una separazione prevista di 6.900 AU) e il secondo più freddo (dopo WD 0806-661b con una temperatura di 328 K) scoperto finora.

COCONUTS-2b può essere ripreso direttamente grazie alla luce emessa prodotta dal calore residuo intrappolato dalla formazione del pianeta.

Tuttavia, la produzione di energia del pianeta è più di un milione di volte più debole di quella del Sole, quindi il pianeta può essere rilevato solo utilizzando la luce infrarossa a energia inferiore.

Rilevare e studiare direttamente la luce dei pianeti giganti gassosi intorno ad altre stelle è normalmente molto difficile, dal momento che i pianeti che troviamo di solito hanno orbite di piccola separazione e quindi sono sepolti nel bagliore della luce della loro stella ospite“, ha affermato il dott. Michael Liu , anche dall’Institute for Astronomy dell’Università delle Hawaii a Manoa.