WhatsApp: così hanno rubato l'account a centinaia di utenti a luglio

WhatsApp è un’applicazione fondamentale per la maggior parte di coloro che utilizzano uno smartphone. Ciò però non vuol dire che sia un’applicazione esente da problemi, dal momento che tante lamentele sono arrivate anche nell’ultimo periodo.

Purtroppo, avendo più di 2 miliardi di utenti in giro per il mondo, la nota applicazione è spesso soggetta agli attacchi da parte dei truffatori. Qualcuno avrebbe riferito di aver perso ultimamente il proprio account, cosa che sarebbe capitata per colpa di alcuni truffatori in grado di riuscire a farsi consegnare il codice di conferma in fase di accesso all’applicazione desktop WhatsApp Web. La situazione sarebbe stata più volte denunciata e proprio per questo sarebbe intervenuta anche la polizia di Stato. È stato diramato ufficialmente un comunicato nel quale si spiega la situazione e soprattutto agli utenti che devono stare molto attenti quando ricevono contatti dall’esterno.

 

WhatsApp: ecco il comunicato nel quale la polizia di Stato mette in guardia gli utenti

Per attivare l’App di messaggistica Whatsapp sul proprio smartphone – si legge sul profilo Facebook del Commissariato di PS Online – è necessario inserire uncodice che viene inviato tramite SMS sul dispositivo. Tramite questa procedura i cybercriminali riescono a far recapitare alla vittima un SMS nel quale viene chiesto l’invio di tale codice facendo apparire come mittente il numero di telefono di un contatto presente in rubrica.
L’invio del codice permette agli stessi di poter attivare un nuovo Whatsapp su un dispositivo diverso ma riferito al numero telefonico della vittima prescelta che, di fatto, ne perde la “proprietà
”.”