whatsapp

Il CEO di WhatsApp Will Cathcart ha affermato che gli alti funzionari del governo degli alleati degli Stati Uniti, inclusi alcuni con ruoli di sicurezza nazionale, erano obiettivi del software Pegasus nel 2019.

Le dichiarazioni di Cathcart, che sono state presentate in un’intervista di The Guardian domenica, hanno seguito i rapporti della scorsa settimana dal Pegasus Project, un consorzio che includeva The Guardian, The Washington Post e Amnesty International.

I rapporti affermano che una società israeliana ha venduto l’accesso allo spyware di livello militare, che è stato utilizzato per hackerare i telefoni di giornalisti, attivisti e funzionari governativi.

NSO Group, la società dietro il software Pegasus, ha negato che i numeri di telefono trapelati al consorzio fossero obiettivi del malware.

WhatsApp ha fatto causa a NSO Group nell’ottobre 2019, affermando che circa 1400 dispositivi mobili che eseguono l’app sono stati presi di mira dal software di sorveglianza dell’azienda.

La causa e’ ancora in corso

Secondo la denuncia, NSO Group aveva ottenuto l’accesso ai server di WhatsApp per prendere di mira “avvocati, giornalisti, attivisti per i diritti umani, dissidenti politici, diplomatici e altri alti funzionari del governo straniero”. La causa è ancora in corso.

“Il rapporto corrisponde a quello che abbiamo visto nell’attacco che abbiamo sconfitto due anni fa, è molto coerente con ciò di cui eravamo rumorosi allora”, ha detto Cathcart al Guardian.

C’erano più di 50.000 numeri di telefono su un elenco trapelato di potenziali obiettivi di Pegasus, anche se non era chiaro quanti fossero stati effettivamente presi di mira, ha detto Forbidden Stories. L’elenco includeva i numeri del presidente francese Emmanuel Macron, del primo ministro pakistano Imran Khan e del presidente sudafricano Cyril Ramaphosa, ha affermato Amnesty International.