truffaUna truffa evidenziata dagli inquirenti della questura di Forlì-Cesena è stata segnalata da un crescente numero di cittadini. Al centro di tutto c’è un famigerato SMS sospetto che ha ingannato un buon numero di persone con la promessa di un pacco in consegna. Il pacco c’è stato sicuramente e pure bello grosso. Scopriamo insieme che cosa è successo.

 

Truffa del pacco: SMS inganna ignari cittadini italiani

Nel corso delle ultime settimane la truffa del pacco è entrata di merito al centro di una discussione che ha coinvolto le autorità competenti in materia di raggiri sul web e tramite i canali di comunicazione digitali. Nello specifico la Questura di Cesena ha accolto le lamentele e le rimostranze di parecchi concittadini costretti ad assaporare il gusto amato dell’inganno.

Un messaggio particolare ha attirato la loro attenzione con le diciture “Il tuo pacco sta arrivando, seguilo qui”, oppure anche “Paga per sbloccare il pacco”“. Ad innalzare il livello di attenzione degli esperti un link fraudolento di rimando ad un sito dove si richiedevo il pagamento di un corrispettivo per sbloccare la visualizzazione del tracking.

In un messaggio reso pubblico all’interno della loro pagina Facebook gli incaricati della Questura lanciano l’allarme contro una truffa difficile da riconoscere. Infatti la struttura del messaggio ed il corrispettivo layout non lasciano trasparire qualcosa di losco.

“Il messaggio di phishing si basa su un finto link di tracciamento delle spedizioni, molto simile a quello che inviano davvero i corrieri per tracciare le consegne.

Ma ovviamente nessun corriere chiede mai soldi per tracciare la spedizione, e dunque è evidente che si tratta di una truffa”.

Il consiglio degli esperti e degli addetti ai lavori di sicurezza è sempre quello di ELIMINARE IL MESSAGGIO al più presto e senza indugio onde non ritrovarsi intrappolati in un circolo vizioso dal quale è davvero arduo uscire.