SIM

A volte succede a chi è smemorato, ma anche coloro che curano tutto con la massima precisione potrebbero cadere in questa trappola. Una mossa falsa sullo smartphone o il passaggio del vecchio numero sulla SIM del nuovo operatore ed ecco che ci viene richiesto il PIN. Magari siamo fuori casa e il codice è là, dentro un cassetto. Forse non lo abbiamo mai utilizzato, ma per una serie di casi vostro figlio ve lo ha attivato e voi non lo ricordate. Nessun problema, ecco un modo semplice e veloce per sbloccare la vostra SIM senza dover per forza utilizzare il codice PIN.

 

Se il PIN non ce l’hai, il modo per sbloccare la SIM te lo diciamo noi

Quando ci si trova in una situazione del genere la prima cosa da non fare è tentare di ricordarsi i numeri per sbloccare la SIM. Domande del tipo: sarà la mia data di nascita? Mese e anno o giorno? Forse il codice avviamento postale… Questo sarebbe un grave errore perché la SIM si bloccherebbe e il processo sarebbe più impervio.

Il modo per sbloccare la vostra SIM c’è e si chiama codice PUK. Questa serie di 8 numeri viene fornita dall’operatore al momento della stipula del contratto. La sua funzione è proprio quella di sbloccare la scheda telefonica nel caso fosse stato digitato un PIN errato per almeno 3 volte. Potreste averlo conservato nel portafoglio o nella borsetta, in questo caso il gioco è fatto. Ma se anche questo codice non fosse lì con voi…

 

Come sbloccare la scheda telefonica se non si ha a portata di mano il PUK

Niente panico, qualora il codice PUK non fosse a portata di mano c’è un’altra soluzione. Basta telefonare al proprio operatore e spiegargli il problema. Si tratta di una sequenza che permette all’utente di reimpostare il codice PIN della SIM.

Una volta ricevuto il codice PUK dall’operatore telefonico, basterà inserire questa stringa dove per PUK si intende il codice appena comunicato e per PIN il nuovo numero che dovrete ricordarvi: **05*PUK*PIN*PIN#.

Una volta fatto ciò, sarà possibile utilizzare la SIM come se mai fosse accaduto nulla. Per evitare simili problemi meglio appuntarsi il proprio PIN in un’app sicura che potrebbe tornare utile nel conservare anche altre credenziali di accesso. Tra le più utilizzate e diffuse c’è 1Password il gestore di password maggiormente apprezzato.

Se siete bersagli di truffe telefoniche, potrebbe essere utile leggere questo articolo.