Spesa Online

Secondo un’indagine di Youthquake, agenzia di data-driven marketing con sede a Milano e Londra, il numero di utenti che hanno affidato i loro acquisti al web è aumentato. Dopo il primo lockdown infatti pare che il Coronavirus abbia fatto cresce la spesa online del 45%. Ecco come la vita delle persone è cambiata in poco meno di un anno.

 

Molti più utenti si affidano alla spesa online

La crisi economica sta segnando molte famiglie italiane che, per sopravvivere, mettono in campo ogni strategia che garantisca il risparmio. Tra queste non può mancare la spesa online.

Questo sistema di acquisto permette a ogni singolo utente di scegliere i prodotti più economici o comunque in offerta. Insomma, la spesa online ha cambiato il comportamento dei consumatori e il loro rapporto con la Grande Distribuzione Organizzata. Come sostenuto dagli analisti di Youthquake è un “trend dovuto alle limitazioni imposte dalle misure di contenimento della pandemia e che attualmente continua a guidare anche l’acquisto fisico del cliente all’interno dei supermercati“.

Quindi da una parte è vero che la spesa online garantisce maggiore protezione da un possibile contagio da Coronavirus, ma dall’altra permette un notevole risparmio economico. Oggi il 34% degli italiani presta maggior attenzione al prezzo dei prodotti e preferisce acquistarli quando sono oggetto di una promozione.

Infatti ben il 75% degli utenti apprezza comunicazioni chiare che arrivano attraverso promo SMS o email. Questo garantirebbe la sicurezza di essere aggiornati sempre sul miglior prezzo. Ne è un esempio Carrefour che, dopo aver regalato 20 euro, oggi offre la consegna gratuita per una spesa online di almeno 50 euro fino al 31 marzo. Tutte le informazioni si possono trovare a questo link.

In conclusione si può dire che, essendo diventate più casalinghe, le persone sono molto attente ai prezzi e alle offerte. Questo non solo a causa di una crisi economica generale, ma anche perché il 49% cucina di più a casa. Non sarà contento il 13% che ha affermato di mangiare di più. Nessun problema, tanto per ora non si sa nemmeno se sarà necessaria la prova costume per questa estate.

VIAVia
FONTEAnsa