contatori modificati

Pagare le tasse non è una pratica digerita particolarmente bene dagli italiani. Tuttavia, c’è l’obbligo di pagarle, altrimenti non potremmo avere dei servizi fondamentali che servono per far funzionare una casa. Proprio per questo motivo, per pagare meno o addirittura pagare zero sulle proprie utenze, alcuni truffatori trovano dei modi sempre differenti per scamparla.
Di fatto, proprio nell’ultimo periodo a Roma, un’operazione congiunta delle Forze dell’Ordine ha rilevato la manomissione di molti apparati di misurazione, soprattutto dei contatori. La modifica avveniva in diversi modi, tra cui anche tramite software. Tuttavia, la tecnica più utilizzata viene definita “truffa del magnete“. Molte persone sono state arrestate, scopriamo cosa rischiano e come avviene la modifica.

 

Contatori modificati: la truffa del magnete si sta estendendo a macchia d’olio in tutta Italia

Ora vi andremo a spiegare come viene attuata la truffa che abbiamo citato sopra. C’è da precisare, ovviamente, che è totalmente illegale e sconsigliamo assolutamente di metterla in atto. Per mettere in pratica la truffa del magnete avremo bisogno, per l’appunto, di un grosso magnete. Il suddetto viene messo di fianco e sopra al contatore che vogliamo manomettere, così da rallentare sensibilmente i suoi giri oppure bloccarli completamente.

Come detto anche prima, si rischia davvero molto: si parla di una reclusione da 6 mesi a 3 anni e una multa da 103 fino a 1032 euro. Infine, abbiamo l’obbligo di segnalare una cosa a dir poco clamorosa: è stato scoperto, dopo varie perquisizioni, che anche le aziende stesse che montavano i contatori avevano in dotazione oggetti strani. Tra questi sono rinvenuti punzonatori, misuratori e rilevatori, segno che anche loro erano d’accordo con i truffatori.