canone raiIl nuovo anno si sta lentamente avvicinando e, come al solito, gli utenti iniziano a pensare a come risparmiare il più possibile per avere più denaro a disposizione, e corrispondentemente pagare un minor quantitativo di tasse. Molti di noi hanno la possibilità di richiedere l’esenzione dal Canone Rai, scopriamo assieme quali sono le categorie di utenti, e sopratutto quando presentare la domanda.

La procedura tramite la quale richiedere l’esenzione non è automatica, ciò sta a significare che anche se ne avete diritto, dovrete necessariamente provvedere ad inoltrare la richiesta, in caso contrario lo pagherete come tutti gli altri. I primi utenti che possono godere di questa possibilità sono coloro che dichiarano di non possedere un televisore (a loro rischio e pericolo), seguiti a ruota dai possessori di una seconda casa che già pagano il canone Rai sull’abitazione principale.

I più discussi sono tuttavia gli over 75, ovvero gli utenti che hanno compiuto almeno il settantacinquesimo anno di età alla presentazione della domanda, con reddito famigliare inferiore agli 8000 euro annui (comprensivo dell’eventuale coniuge o convivente), e che non presentano nello stato di Famiglia altre persone che generano reddito (un figlio o simili, ad esclusione di badanti, collaboratrici domestici o aiutanti).

 

Canone Rai 2021: quando presentare la richiesta

La richiesta di esenzione deve essere scaricata dal sito ufficiale dell’Agenzia delle Entrate, e presentata entro il 31 gennaio 2021, in questo modo il richiedente (se accettata) non pagherà il canone Rai dell’intera annualità.

Tutti coloro che invece seguiranno la medesima procedura, ma presenteranno la richiesta dal 1 febbraio al 30 giugno, non pagheranno solamente metà del Canone Rai 2021. Se si supererà il 30 giugno, si inizierà a risparmiare dal 2022.