Google: l'AGCOM colpisce il motore di ricerca per pubblicità d'azzardo

Google (Google Ireland Limited) è stata recentemente punita dall’AGCOM per non aver rispettato le norme contro il gioco d’azzardo. La sanzione amministrativa a cui è andata incontro è di 100mila euro.

Quanto detto nella contestazione: “In data 14 e 15 novembre 2019, alla pagina di ricerca www.google.com, digitando la parola chiave “casino online“, nella lista rimandata dal motore di ricerca, appare in testa il sito http://sublime-casino.com, così descritto brevemente “Unisciti Ora Al Nuovissimo Casinò Online Italiano. Gioca Subito A Oltre 400 Giochi – Iscriviti Ora E Registrati In Meno Di 30 Secondi! Nessun download. Sicuro e Protetto”. Il sito viene qualificato come “annuncio“.”

Tale sito conteneva dunque un elenco di siti di gioco a pagamento non autorizzati in Italia.

 

Google: quale sarà il destino del motore di ricerca?

L’AGCOM ha poi affermato: “Il servizio Google Ads non pare in alcun caso qualificabile come servizio di hosting, atteso che l’elemento caratterizzante la prestazione non consiste “nell’ospitare” il messaggio pubblicitario, ma nel permetterne la diffusione attraverso diversi siti internet destinatari del messaggio.”

Il dilemma di un imprevisto del genere, se così si può definire, sta nel fatto che non vi è stato abbastanza controllo da parte di Google nel rilevare la parola chiave vietata “casino-online” né tantomeno nel provvedere a bloccare la pubblicazione dell’annuncio.

Non è la prima volta che accade un episodio del genere da parte del motore di ricerca Google. Trattasi di un’indagine dai risvolti molto più rilevanti rispetto a quelli di una semplice sanzione amministrativa. Ciò potrebbe causare delle gravi conseguenze per quanto riguarda le attività della casa di Mountain View.