Rimborso-Canone-Rai-truffa-email

Il popolo italiano in quanto cittadino dello stato appunto è costretto sia per legge civica che per legge morale a dover corrispondere un certo numero di tasse a cadenza mensile o annuale,queste sono infatti necessarie per poter garantire la fruibilità di tutti i servizi e la loro permanenza in essere oltre che un adeguato livello di qualità

tra le varie tasse che ogni cittadino deve pagare all’Agenzia delle entrate 2 risultano particolarmente poco accettate da parte di ogni cittadino stiamo parlando del canone RAI e del bollo auto infatti in pochi condividono il dover pagare una tassa di possesso per un veicolo che hanno dovuto acquistare interamente di tasca loro e il dover pagare una tassa per la visione dei programmi televisivi ma che nessuno ha scelto effettivamente di visualizzare

Recentemente,a seguito dell’emergenza coronavirus si era diffusa molto la voce in merito una possibile abolizione di queste due tasse questo poiché il governo stava passando al vaglio numerose possibilità per poter dare Una ventata d’aria fresca dal punto di vista fiscale a tutto il popolo ormai stremato dal lockdown vediamo che cosa accadrà nel dettaglio.

Le imposte resteranno ancora tra noi

Inutile diffondere false speranze, le imposte che per anni hanno alleggerito il nostro portafogli continueranno a fare il loro lavoro ancora per un tempo indefinito, lo Stato infatti non può permettersi di privarsi di due entrate così concrete dopo l’emergenza che ne ha depauperato le casse.

Per quanto riguarda il canone Rai l’unico modo per esserne esentati è quello o di non avere nessun apparecchio televisivo, oppure di avere più di 75 anni di età e di non superare, insieme con il proprio coniuge, un reddito annuo di 8000€, se rispettate tali condizioni allora potrete compilare l’apposito modulo e inviarlo per ottenere l’esenzione.