CIE IDCIE ID rappresenta il primo passo verso una estesa opera di digitalizzazione dei documenti fisici, siano essi in formato cartaceo tradizionale o plastico con microchip integrato. L’ultima grande novità è rappresentata dalla cosiddetta carta di identità digitale, un supporto concesso dalla Zecca di Stato e dal Ministero dell’Interno per gli utenti Android ed iOS. Una semplice applicazione quindi ma che ha delle estreme potenzialità ed un profilo di sicurezza di primo livello. Dobbiamo scoprirla.

 

In cosa consiste CIE ID e perché scaricare la nuova app gratuita

Le alte sfere hanno converso nell’opera di finalizzazione del nuovo documento sotto forma di bit. Rispetto alle opzioni classiche riporta il vantaggio di essere portable ed estremamente versatile. Grazie ad un profilo associativo via NFC è possibile avere la carta di identità sul telefono in pochi secondi. I vantaggi che derivano dall’uso della piattaforma sono molteplici.

La soluzione aggiornata prende notevoli distanze rispetto alla versione cartacea già soppiantata dalla CIE 3.0 sotto molti punti di vista. Più bassa è la probabilità di incorrere in operazioni di clonazione di identità. Oltre questo non si corre il rischio di perderla ed avendo sempre con sé il proprio smartphone è sempre possibile semplificare le procedure di accesso alle funzionalità della Pubblica Amministrazione come, ad esempio, la richiesta di una SPID (identità digitale) indispensabile per la richiesta de bonus mobilità. Ma le possibilità sono davvero molte altre.

Ogni dubbio circa l’aspetto sicurezza viene fugato dall’intervento del Ministero che riferisce l’applicabilità di rigidi criteri di protezione e controllo per l’accesso ai dati personali. Server muniti di firewall, protocolli e sofisticati algoritmi vigilano sulla conservazione delle info. L’utente è chiamato a proteggersi tramite un apposito antivirus ed un’app per il blocco con codice o impronta dell’applicazione per un ulteriore layer di sicurezza

Come già detto, si tratta della prima grande rivoluzione cui sembra seguiterà anche quella del Passaporto Digitale descritto per sommi capi da Apple dopo la registrazione del nuovo brevetto. Impossibile non considerare anche l’eventualità di ricevere apposite piattaforme per la digitalizzazione di patente e tessera sanitaria. Tutto sarà deciso dalle istituzioni che potrebbero intervenire nel corso dei prossimi mesi.