cambiare banca

Anche se in quarantena noi Italiani i conti in tasca ce li sappiamo fare bene, e questo tempo in isolamento può averci ispirato a cambiare banca. Spesso si pensa che non sia una mossa giusta, ma il coraggio potete trovarlo grazie a uno studio della Banca d’Italia in cui si evince che rimanere fedeli al proprio istituto non sempre conviene.

Secondo l’indagine di Banca d’Italia le spese di gestione di un vecchio conto mediamente si attestano sui 93 euro, mentre quelli aperti da meno di un anno costano sui 49 euro. In più c’è l’occasione di spuntare ancora prezzi migliori se consideriamo i conti online. Tuttavia bisogna saper scegliere con prudenza per arrivare al conto corrente che ci faccia spendere poco e guadagnare sui soldi depositati. Vediamo insieme i passi da seguire.

 

Cambiare banca e conto corrente: come fare e perché conviene

Come ogni decisione importante in seno al proprio bilancio familiare, anche la scelta di un nuovo istituto deve essere prima anticipata da una buona indagine di mercato. Possiamo fare moltissime ricerche su internet per capire quali sono i conti correnti migliori del momento, ma l’importante è che le condizioni vantaggiose offerte siano reali.

Se avete già individuato la vostra futura banca, vi basterà recarvi in filiale per finalizzare la richiesta di apertura del conto e trasferire il denaro dall’altro istituto. Gli oneri di comunicazione e spostamento dei vostri risparmi sarà tutto a carico della nuova banca, con l’unica accortezza di comunicare le coordinate appena ricevute a tutti i pagamenti precedentemente domiciliati sul conto.

La finalizzazione della chiusura del vecchio conto avverrà per mezzo di una raccomandata A/R in cui inviamo copia del nostro documento, le carte bancomat e di credito e l’eventuale carnet di assegni in nostro possesso. In tutti i casi il vecchio istituto potrà applicare costi di chiusura maturati prima della cessazione del rapporto.

Se non volete inviare per posta la documentazione, l’operazione di consegna di carte e assegni può essere molto più sbrigativa e sicura recandovi direttamente alla vecchia filiale. Se altresì avete dei titoli azionari legati al conto corrente o altri tipi di rapporti con l’istituto potete disporre il trasferimento alla nuova banca.