I servizi cloud di Microsoft hanno registrato un massiccio aumento di domanda. Questo è sicuramente dovuto alla pandemia di Coronavirus che “obbliga” le persone a stare quanto più tempo è possibile all’interno delle abitazioni. Secondo un post sul blog di Azure: “Abbiamo ravvisato un aumento del 775% dei nostri servizi cloud nelle regioni che hanno imposto il distanziamento sociale o richiedono il confinamento casalingo“.

 

Microsoft: l’uso dei servizi cloud aumentano e Teams sta avendo un impennata pazzesca

La domanda include vari servizi quindi tra cui l’uso di Windows Virtual Desktop, Xbox Game Pass, Xbox Live e Mixer. È consequenziale che Microsoft abbia dovuto correre ai ripari per far sì che tali servizi potessero offrire l’efficienza e la qualità di sempre a più persone possibili. Microsoft per questo ha disattivato la possibilità di caricare immagini di profilo, foto del club e sfondi personalizzati. Per non sovraccaricare il sistema ulteriormente, gli aggiornamenti dei giochi verranno lanciati in ore più “tranquille” dove sono connesse meno persone, piuttosto che nelle ore di picco.

Il servizio di Microsoft Teams sta facendo molta fatica a causa dell’aumento smisurato di persone che lo stanno utilizzando. L’uso del servizio è cresciuto di 12 milioni di persone in una settimana. Antecedentemente gli utenti erano 32 milioni, ora sono 44 milioni. Questo aumento repentino ha fatto registrare alcuni down del servizio. Si sta cercando di rendere prioritario l’accesso al personale sanitario e ai servizi di emergenza, lottando per far rimanere il servizio quanto più stabile possibile.