Amazon

La piattaforma di e-commerce Amazon sta attualmente cercando dei nuovi collaboratori per una nuova sede che aprirà a breve in un’importante città italiana.

Più precisamente, aprirà un nuovo deposito di smistamento a San Giovanni Teatino, in provincia di Chieti. La nuova struttura ospiterà 100 nuovi dipendenti. Scopriamo insieme come candidarsi.

 

Amazon assume 100 nuovi dipendenti nella provincia di Chieti

La nuova struttura si troverà nella cosiddetta area Pip, in zona artigianale di Sambuceto e sarà operativa nei prossimi mesi. La struttura lavorerà con molti fornitori locali di servizi di consegna, permettendo così al colosso di Seattle di continuare ad investire nella propria rete di trasporti ed in altre innovative soluzioni per espandere la propria capacità di consegna e velocizzare anche le spedizioni per i clienti.

Ecco le parole di Gabriele Sigismondi, responsabile di Amazon Logistics in Italia: “Siamo entusiasti di aprire un nuovo deposito di smistamento in Abruzzo, il primo nella regione, dove grazie agli oltre 20 anni di esperienza nel settore, ai progressi tecnologici e agli investimenti nelle infrastrutture saremo in grado di garantire ai nostri clienti servizi innovativi e consegne più veloci che mai. Il sito rafforzerà la nostra rete logistica, permettendoci di rispettare le promesse di consegna ai clienti e supportare tutte le aziende che vendono i loro prodotti su Amazon“.

E ha continuato: “Inoltre i fornitori di servizi di consegna assumeranno più di 85 autisti a tempo indeterminato, che ritireranno i pacchi dal deposito di smistamento e li consegneranno ai clienti di Amazon nel centro-sud Italia”. Anche il sindaco di San Giovanni ha voluto dire la sua opinione: “L’ufficialità della notizia l’ho avuta anch’io attraverso il comunicato stampa dell’azienda. Abbiamo avuto già contatti in precedenza con Amazon anche se l’operazione non è stata svolta attraverso l’istituzione comunale. Quello che chiediamo è che per la selezione del personale ci si rivolga al “Sangiò lavoro” lo sportello del nostro comune perché crediamo sia giusto favorire risorse del nostro territorio“.