tempesta magneticaLa notizia del giorno ha come argomento una potenziale tempesta magnetica pronta a mandare al collasso i sistemi di telecomunicazioni sull’intero pianeta. Illustri personaggi in vista nel mondo dell’astrofisica moderna hanno anticipato un fenomeno che rischia di mandare in tilt ogni dispositivo connesso in rete mediante satelliti e reti telefoniche.

Hisashi Hayakawa, ricercatore dell’Università di Osaka, è parte in causa nello studio palesatosi tra le pagine della nota rivista Space Weather. Si prendono in considerazione i dati storici sull’incidenza delle tempeste elettromagnetiche. Se ne descrive l’impatto sulla parte occidentale del globo, dove l’interruzione delle linee telefoniche si potrebbe accompagnare a malfunzionamenti a macchia d’olio per televisori, automobili connesse, WhatsApp, Google Maps e tante altre opzioni TLC.

 

Tempesta elettromagnetica: smartphone, TV e satelliti offline, ora c’è la verità dopo lo studio

Un certo allarmismo ha sollevato un campanello di allarme in Europa, dove l’argomento network offline viene definito come un fenomeno inarrestabile cui si potrebbe dover far fronte. Gli esperti del meteo spaziale hanno realizzato una statistica sulla probabilità che si verifichi un incidente elettromagnetico lungo tutto l’asse dell’emisfero occidentale della Terra.

Con lo scopo di attuare un piano di prevenzione si sta mettendo in piedi una squadra di ricerca ed intervento per placare gli animi circa una situazione che potrebbe rappresentare un vero problema. Gli esperti chiedono:

  • una regia unica su base continuativa delle ricerche nell’ambito,
  • fondi per approfondire la ricerca,
  • migliorare i modelli che consentono di descrivere e prevedere le tempeste geomagnetiche;
  • definire una rete per future osservazioni meteorologiche spaziali,
  • supporto per missioni spaziali di prossima generazione;
  • migliorare la valutazione dei rischi a livello nazionale ed europeo.

In estrema sintesi si può dire che non siamo in presenza di una notizia certa. Si tratta soltanto di ipotesi frutto di indiscrezioni senza prove. Per il momento è tutto tranquillo ma l’imprevedibilità dei fenomeni atmosferici lascia un pesante interrogativo da risolvere.