Un team internazionale di astronomi ha rilevato molecole di gas in una cometa appena scoperta che potrebbe aver avuto origine al di fuori del nostro sistema solare.

Questo segna la prima volta che gli scienziati sono stati in grado di osservare questo tipo di materiale in un oggetto interstellare.

La cometa 2I / Borisov prende il nome dall’astronomo dilettante Gennady Borisov di Crimea, che individuò il corpo celeste usando un telescopio da lui stesso costruito.

L’incontro aiuta a stimolare la ricerca esattamente su cosa sono fatti questi oggetti e su come il nostro sistema solare si confronta con gli altri nella galassia.

“Per la prima volta siamo in grado di misurare con precisione di cosa è fatto un visitatore interstellare e confrontarlo con il nostro sistema solare”, ha dichiarato Alan Fitzsimmons, professore di astrofisica alla Queen’s University di Belfast.

Insieme a colleghi provenienti da Europa, Stati Uniti e Cile, Fitzsimmons ha usato il telescopio William Herschel. Tutto ciò per rilevare il gas nella cometa.

“Il nostro primo tentativo è stato venerdì [13 settembre], ma siamo stati sfortunati e siamo stati vanificati dalla luminosità del cielo così vicino al sole”, ha detto. “Ma il tentativo successivo ha avuto successo.”

 

Cometa Interstellare: le osservazioni di studiosi e analisti

Il team è stato in grado di far passare la luce debole di 2I / Borisov attraverso uno spettrografo, misurando quanta luminescenza emetteva in funzione della lunghezza d’onda.

Leggi anche:  Esopianeti: la vita oltre la Terra è possibile grazie alle ultime scoperte

“Uno spettro ci consente di rilevare singoli tipi di gas mediante le loro impronte digitali spettrali”, ha spiegato Fitzsimmons. “Abbiamo ricevuto i dati a mezzogiorno e entro le 17:00. quella sera sapevamo di aver rilevato con successo gas per la prima volta. ”

In particolare il cianogeno: un composto chimico fatto di carbonio e azoto che è relativamente comune nelle comete, ma può essere tossico se inalato.

Siamo abituati a vedere immagini di comete, ma questa è così speciale”, secondo l’analista di ricerca Emmanuel Jehin. Egli sta monitorando la cometa usando il telescopio TRAPPIST-Nord in Marocco.

“Guardandolo quasi ogni mattina da due settimane. Sono affascinato dal fatto che questo oggetto non è come i molti altri che ho osservato, ma proviene davvero da un’altra stella probabilmente molto lontana”, ha aggiunto.

La cometa è probabilmente nata 4,6 miliardi di anni fa. Essa però proviene da un sistema stellare non ancora identificato.

Vantando  una coda corta, l’oggetto inequivocabilmente astrale è solo il secondo noto per essere passato attraverso il nostro sistema solare. Il primo, “Oumuamua”, è stato identificato due anni fa.

Le prime notizie sulla cometa indussero la gente a credere che potesse essere un’astronave aliena. L’analisi recente, purtroppo, suggerisce il contrario.