wi-fi 6 sopravviverà al 5g

Gli ultimi iPhone, Samsung e alcuni aeroporti sparsi sul pianeta hanno adottato sin da subito il nuovo standard di connessione Wi-Fi 6, una tecnologia che nelle premesse dovrebbe quadruplicare la velocità della quinta versione ospitando centinaia di dispositivi connessi contemporaneamente.

Il 5G dal canto suo sembrava fosse pronto a scalzare la rete wi-fi, la quale però vi dimostreremo che non sparirà e, anzi, prospererà in tutte le case e aziende.

Certificato a metà settembre dalla Wi-fi Alliance, il sesto standard dovrebbe diffondersi in maniera capillare già entro la fine del 2020 su oltre 1,6 miliardi di dispositivi. Poca cosa rispetto a tutti gli standard wifi messi insieme supportati su 13 miliardi di prodotti in tutto il mondo, ma il cambio alla sesta versione avverrà in pochi anni e le connessioni saranno molto più veloci e stabili.

 

Il Wi-Fi 6 sopravviverà al 5G: ecco i motivi del suo successo

Come spiega Kevin Robinson, vice presidente marketing di Wi-Fi Alliance:questa è la prima volta nella storia del Wi-fi che avremo così tanti progressi. L’impatto del Wi-fi spesso passa inosservato, eppure anche il commercio internazionale dipende da questo! Wi-Fi 6 è lì, è una realtà, e le aziende stanno offrendo i loro prodotti“.

Il Wi-Fi non sarà scalzato dal 5G per il fatto che quest’ultimo utilizza bande ad alta frequenza, le quali sono molto utili per raggiungere luoghi distanti ma poco adatte all’intricato reticolo di palazzi nel tessuto urbano. Per questo motivo, il 5G sarà diffuso largamente nelle aree aperte, mentre il wi-fi 6 diventerà predominante al chiuso.

Ma è anche la destinazione d’uso che fa la differenza poiché, come spiega ancora Robinson, “queste sono due tecnologie complementari. Ad esempio, il Wi-Fi 6 non consentirà lo sviluppo di auto autonome!” Il 5G sarà essenziale per obiettivi che richiedono un tempo di risposta molto basso e lunga autonomia, mentre il Wi-Fi è più adatto per usi a corto raggio.