venezuela-bitcoin-ethereum-cryptovalute
Il Venezuela potrebbe utilizzare la propria criptovaluta non solo per evitare le conseguenze di alcune sanzioni internazionali. Gli informatori di Bloomberg affermano che la banca centrale del paese sta testando la possibilità di aggrapparsi alle criptovalute per aiutare la compagnia petrolifera controllata dallo stato Petroleos de Venezuela SA.

Secondo quanto riferito, la società ha scorte di bitcoin ed ethereum. Trasferire quel denaro alla banca centrale potrebbe fargli pagare i fornitori ed evitare “potenziali blocchi” dai canali convenzionali che verrebbero con pagamenti criptati diretti o denaro normale.

Il Venezuela vuole un approccio diretto con Bitcoin

Allo stesso modo la banca sta prendendo in considerazione proposte per spostare le criptovalute verso riserve internazionali che sono precipitate negli ultimi anni. Non è certo dove Petroleos abbia ottenuto bitcoin ed ethereum. Nemmeno di quale cifra stiamo parlando.

Inoltre, non esiste alcuna garanzia che le aziende accetterebbero una simile mossa. Infatti, il relativo anonimato della criptovaluta e il potenziale di riciclaggio di denaro inducono molte altre banche a resistere. Questo non include nemmeno il potenziale per ulteriori restrizioni commerciali. Tuttavia, questo sembra essere uno sforzo per sostenere l’economia venezuelana (e quindi il governo Maduro). Alla fine potrebbe costituire un esperimento rischioso anche se andrà avanti.

L’adozione delle criptovalute si sta intensificando in paesi isolati dal sistema finanziario globale. È troppo presto per sapere se l’approccio del Venezuela prenderà piede in altri paesi. Tuttavia, negli ultimi mesi c’è stata un’ondata di attività legato alle cryptovalute. La Cina sta preparando piani per l’emissione di una valuta digitale. Un mese fa, il governatore della Banca d’Inghilterra Mark Carney ha lanciato l’idea di una valuta di riserva digitale internazionale. Inoltre, anche Facebook vuole lanciare la sua valuta digitale.