Canone

Il Canone Rai è una tassa che tutti i consumatori in possesso di un apparecchio o atto adattabile alla ricezione del digitale terrestre devono sostenere mensilmente. Si trattava di una spesa non molto gradita dai cittadini italiani e, infatti, fino a Luglio 2016 riuscivano ad evadere dal suo costo perché arrivava come bolletta unica.

Da 3 anni invece, lo Stato italiano ha deciso di combattere questi evasori cronici inserendo la spesa del Canone Rai insieme a quella della luce elettrica facendo arrivare la bolletta con un costo unico; in questo modo è quasi impossibile scappare da questa spesa.

Dopo varie ricerche informative in rete, abbiamo scoperto che ci sono due metodi per sfuggire a questa imposta; eccovi qui di seguito svelati tutti i dettagli a riguardo.

Stop al Canone Rai: ecco come fare per non pagarlo mai più

Il web informa gli utenti che non tutti i consumatori devono obbligatoriamente sostenere il costo del Canone Rai; per esempio, i consumatori che non sono in possesso di un apparecchio televisione che riceve e trasmette il segnale del digitale terrestre possono recarsi alla sede più vicina dell’Agenzia delle Entrate e fare domanda per non sostenere più questa spesa; basta compilare un modulo apposito e presentarlo in sede in modo da farlo approvare dall’Istituto stesso.

Leggi anche:  DVB T2 è ufficiale, il cambio del televisore è obbligatorio a causa del 5G

Inoltre, hanno il diritto di non sostenere mai più questa spesa tutti i consumatori che rientrano in una delle categorie seguenti:

  • Coloro che hanno un’età uguale o superiore ai settantacinque anni e un reddito non superiore a 6.713,98 euro.
  • I funzionari di un’organizzazione internazionale.
  • Gli agenti diplomatici.
  • I funzionari o gli impiegati consolari.
  • I militari di cittadinanza non italiana e/o che fanno parte del personale civile non residente in Italia di cittadinanza non italiana appartenenti alle forze armate della NATO.