La distrazione alla guida è tra le principali cause di incidenti stradali, e non ce lo nascondiamo: spesso, il principale motivo di distrazione è rappresentato proprio dallo smartphone.

Una chiamata, un SMS, una sbirciatina veloce ai Social potrebbe costar caro a qualcuno, e nonostante l’attuale normativa preveda già pene piuttosto severe, gli utenti della strada che usano lo smartphone mentre sono alla guida di un veicolo continuano ad essere in molti.

Nel mese di Luglio, la Commissione Trasporti ha proposto diverse modifiche del Codice della Strada, al fine di introdurre sanzioni più rigide per chi usa il cellulare mentre è al volante. In via preliminare, ricordiamo che le novità di cui vi parleremo a breve non sono ancora definitive e potrebbero subire ulteriori modifiche prima che diventino Legge a tutti gli effetti.

Codice della Strada, sanzioni più severe per chi verrà sorpreso con lo smartphone mentre è alla guida

Anzitutto, il DDL proposto dalla Commissione Trasporti non fa solo riferimento agli smartphone ma anche a tablet, computer portatili e notebook, ed oltre alle sanzioni già applicabili, è prevista anche la sospensione della patente per un periodo da una settimana a due mesi.

Chi compie una violazione entro i due mesi successivi a quella precedente può ricevere una sanzione amministrativa aggiuntiva compresa fra i 422 euro e i 1.697 euro, oltre alla sospensione della patente che può variare da uno a tre mesi.

Come detto precedentemente, le modifiche non sono ancora ufficiali e il DDL dovrà prima essere discusso in aula per diventare poi effettivamente Legge. L’applicazione delle nuove sanzioni avverrà poi 365 giorni dopo l’entrata in vigore del nuovo Codice della Strada.