Truffa PostePay Evolution
Le prepagate di Poste Italiane, PostePay e PostePay Evolution, sono minacciate dal nuovo SMS che ruba i dati e svuota i conti in pochi istanti. Il phishing sembra aver rivolto l’ennesimo inganno ai titolari delle note prepagate che più volte hanno ricevuto email e comunicazioni dall’intento fraudolento.

L’azienda, il cui nome è spesso utilizzato in maniera illecita dai malfattori, contatta periodicamente i suoi clienti invitandoli a diffidare da alcuni messaggi che è possibile ricevere. Nonostante ciò, l’ultimo tentativo di frode potrebbe causare più vittime del solito. L’inganno questa volta si cela dietro il mittente PosteInfo, utilizzato solitamente da Poste Italiane per le comunicazioni ufficiali circa lo stato delle carte.

Truffa PostePay Evolution: attenzione agli SMS e alle mail che nascondono tentativi di frode!

Gli SMS sono sempre più utilizzati dagli hacker per la diffusione di tentativi di frode che nei casi più tipici arrivano tramite email. Il contenuto di queste truffe, infatti, a prescindere dal mezzo tramite cui si presenta, è sempre molto simile. Ed è questo il caso del nuovo SMS fraudolento che attacca le carte PostePay e PostePay Evolution.

Leggi anche:  Phishing, ecco il nuovo messaggio inventato dai truffatori

Insomma, i titolari delle carte prepagate possono ricevere un SMS da parte di PosteInfo e cadere in trappola rischiando di perdere i risparmi presenti sul conto. Nonostante il mittente possa inizialmente trarre in inganno occorre ricordare un piccolo particolare per scampare il pericolo.

Poste Italiane non richiede mai di effettuare l’aggiornamento dei dati sensibili, tantomeno l’azienda invia email o SMS che esortano a cliccare sul link di accesso rapido.

In queste occasioni, quindi, l’unico rimedio consiste nell’eliminare il messaggio ricevuto. Non fornire quanto richiesto e non cliccare sui link o sui file presenti nelle comunicazioni ricevute da terze parti è un ulteriore passaggio fondamentale al fine di proteggere le proprie informazioni sensibili e, in particolar modo, il proprio denaro.