Twitter

Oggi vogliamo parlarvi del fondatore e attuale CEO del social network Twitter, Jack Dorsey. Il cofondatore nel 2018 si è messo in tasca un salario davvero simbolico. Anche se per molti utenti non sarà così.

Contrariamente a quello che tutti potremmo pensare, Dosey ha messo in tasca un salario abbastanza basso, rispetto alla carica che ricopre. Dorsey ha infatti scelto di rinunciare a compensi e bonus, incassando solamente una piccola parte di quella che in teoria gli spetta. Scopriamo tutti i dettagli.

 

Twitter: il salario da non credere di Jack Dorsey

Dorsey nel 2018 si è intascato un salario simbolico di 1.40 dollari, più precisamente 140 centesimi, numero che ha reso la piattaforma una delle più famose al mondo. Lo ha rivelato un documento che è stato inviato dalla società alla Securities and Exchange Commission (Sec), ente statunitense che vigila sulla borsa. All’interno del documento, spiega che “a dimostrazione del suo impegno e della sua fiducia che Twitter possa generare valore nel lungo periodo – Dorsey – ha rinunciato a tutti i compensi e i bonus nel 2015, 2016, 2017 e 2018, ad eccezione di un salario di 1,40 dollari“.

Leggi anche:  Facebook potrebbe nuovamente integrare Messenger

Il CEO della piattaforma non resta comunque a bocca asciutta, infatti sempre secondo il documento menzionato precedentemente, Dorsey ha in mano ben 16.042.428 azioni della piattaforma. Queste azioni si possono convertire in un valore di quasi 560 milioni di dollari. A questi si aggiungono anche i 2 milioni di stock option da esercitare entro il maggio del 2021 con un prezzo di poco più di 3 dollari.

Da qui ai prossimi tre anni il CEO della piattaforma potrebbe incassare ancora altri 60 milioni di dollari. Fortunato lui, anche se ha voluto rinunciare al suo stipendio, possiamo affermare che probabilmente ha voluto commettere una buona azione per il bene della propria azienda.