audi

La tradizione di Audi di incorporare “AI” nei nomi dei suoi prototipi futuristici continuerà al Salone di Shanghai del 2019, con l’aggiunta dello studio di design AI: me.

L’Audi martedì ha pubblicato una serie di bozzetti per l’AI: uno studio di progettazione, in vista del suo debutto al Motor Show 2019 di Shanghai il 15 aprile. La società non ha offerto troppi dettagli, dicendo solo che mostrerà l’idea di Audi di un’auto automatizzata per “le megalopoli di domani”.

Il suo scopo è evidente nel suo design. Le ruote sono allungate fino agli estremi del corpo il più possibile, sia longitudinalmente che latitudinalmente, lasciando una gran quantità di spazio per i passeggeri. Tuttavia, non si discosta troppo dal linguaggio del design Audi, conservando una parvenza di griglia e di fari che sembrano provenire da un recente concept Audi.

 

Forme rivoluzionarie, ma è rimasto molto del vecchio stile

Dentro, c’è un volante retrattile con un design futuristico che è più vicino a un volante d’aviazione che uno tradizionale. Audi ha fatto un uso generoso del legno nella cabina di guida ed è compensato con pelle e altri materiali, oltre a una serie di piccoli schermi integrati nei pannelli delle porte. Guardando avanti, c’è una singola schermata che sembra occupare quasi tutta la larghezza del cruscotto.

Leggi anche:  iPhone SE X in arrivo? Alcune indiscrezioni lo confermano

I concetti di “IA” di Audi sono piuttosto fantasiosi, e sopratutto in modi diversi. Il concetto di Aicon era un EV autonomo dallo stile selvaggio con 500 miglia di autonomia e un proprio drone, che eliminava i fari tradizionali e le luci posteriori. E poi c’è il concept Elaine, che si basava su una forma più tradizionale simile ai crossover Audi Sportback.