come registrare chiamate telefoniche

Registrare le chiamate sul proprio smartphone, che sia legale o no, non si può scambiare per un semplice diletto o un esercizio tecnico, soprattutto se diventa uno strumento di necessità contro stalker o truffatori.

Tuttavia registrare le conversazioni è una pratica molto delicata, e si può fare a patto che l’interlocutore all’altro capo della cornetta ne sia preventivamente informato. Quando abbiamo il permesso, possiamo allora far partire la registrazione e archiviazione digitale della voce tramite un’app. Nel caso di più di un partecipante telefonico, bisogna essere scrupolosi nell’avvisare tutti, altrimenti si viola la legge.

 

Come registrare le chiamate con Tim, Iliad, Vodafone e Wind Tre

Come anticipato prima, la registrazione presuppone che ci dotiamo di un’app specifica scaricabile dal Play Store. Dunque, vi segnaliamo i migliori strumenti gratuiti su piattaforma Android:

  • Call Recorder è un’app che sarà in grado di registrare le telefonate in entrata ed in uscita, salvandole localmente o su un cloud service online a nostra scelta (Dropbox, Google Drive ed altri). Richiede però autorizzazioni speciali al vostro telefono e potrebbe non incontrare i gusti di tutti. Disponibile sia per Android che per iOS.
  • Parliamo di Cube Call Recorder ACR, il servizio forse più famoso per il fatto di consentire la cattura delle chiamate provenienti dalle app Messenger, Skype e Whatsapp. Per scaricarla ed installarla fate riferimento a questo link.
  • Infine, chiudiamo con TapeAcall. Tale è un’app disponibile per i dispositivi Android che, nella versione gratuita, consente di registrare limitatamente ai primi 60 secondi di conversazione. Il file audio completo si può avere con l’aggiunta delle opzioni Pro a pagamento che sbloccano la registrazione illimitata.