aereo

L’ispettore generale del Dipartimento dei trasporti sta esaminando l’approvazione da parte dell’amministrazione dell’aviazione federale sugli aerei 737 Max 8 della Boeing dopo che nuovi rapporti hanno sollevato dubbi sul processo di certificazione. Nel frattempo, i procuratori federali stanno anche esaminando Boeing. Il Wall Street Journal riferisce che è stata rilasciata una citazione ad almeno una persona coinvolta nello sviluppo di Max 8.

L’indagine del DOT si concentra sull’ufficio di Seattle della FAA, che certifica la sicurezza dei nuovi velivoli. La citazione è alla ricerca di documenti d’ufficio, incluse e-mail, corrispondenza e altri messaggi, secondo i rapporti del Journal.

I responsabili della FAA hanno spinto gli ingegneri a delegare le certificazioni

Durante il fine settimana, il Seattle Times ha riferito che i manager della FAA hanno spinto gli ingegneri della sicurezza dell’agenzia a delegare valutazioni di sicurezza e ad approvare rapidamente l’analisi risultante. Sotto la pressione di raggiungere Airbus per approvare i suoi nuovi jet 737 Max, Boeing ha consegnato una valutazione di sicurezza alla FAA piena di errori, secondo quanto riportato dal Times.

L’azienda con sede a Chicago è sotto un attento esame dopo che due dei suoi Max 8 jet si sono schiantati entro cinque mesi l’uno dall’altro. Domenica scorsa, il volo 302 della compagnia aerea Ethiopian si è schiantato pochi minuti dopo essere decollato da Addis Abeba, uccidendo tutte le 157 persone a bordo. Ciò ha seguito lo schianto di ottobre del Lion Air Flight 610 in Indonesia che ha ucciso tutti i 189 passeggeri e membri dell’equipaggio. Mercoledì, la FAA ha ordinato il fermo dell’aereo.

Leggi anche:  Problemi Boeing 747: 2 incidenti mortali in pochi mesi, ecco le cause

In seguito, gli investigatori si sono concentrati su una funzione anti-stallo nota come Maneuvering Characteristics Augmentation System (MCAS). Un rapporto preliminare degli investigatori indonesiani indica che Lion Air 610 si è schiantato perché un sensore difettoso ha segnalato erroneamente che l’aereo si stava fermando. Il falso rapporto ha innescato MCAS, che ha cercato di puntare il muso dell’aereo verso il basso in modo che potesse guadagnare abbastanza velocità per volare in sicurezza.

La valutazione della sicurezza di Boeing ha sottovalutato la potenza del sistema e non ha tenuto conto del modo in cui potrebbe resettarsi da solo dopo ogni volta che un pilota interagisce. I dati della scatola nera recuperati dopo l’incidente del Lion Air indicano che un singolo sensore difettoso ha attivato MCAS più volte durante il volo mortale. Ciò ha portato ad una lotta tra i piloti e l’aereo, poiché il sistema ha ripetutamente spinto il muso dell’aereo verso il basso e i piloti hanno lottato con i comandi per rimetterlo in posizione prima dell‘incidente finale.