Facebook

Secondo il primo fondatore ed ex presidente del social network Facebook, Sean Parker, la piattaforma di e-commerce più conosciuta al mondo, ovvero Amazon, starebbe memorizzando tutte le conversazioni private degli utenti tramite Alexa.

Alexa, per chi non lo sapesse è l’assistente vocale installata su qualsiasi dispositivo dell’azienda come Echo tra tutti. Ecco le sue parole: “le conversazioni private che mantiene l’azienda potrebbero essere potenzialmente utilizzate contro gli utenti in tribunale o per altri scopi“.

 

Amazon accusata duramente dall’ex presidente di Facebook

La piattaforma di e-commerce Amazon produce, come tutti ben sappiamo, alcuni dispositivi propri, dotati dell’assistente vocale Alexa. Alexa è in grado di connettere qualsiasi smartphone a tutti i dispositivi smart che abbiamo in casa. Da poco abbiamo anche scoperto che Echo Input per Alexa è arrivato anche in Italia.

Leggi anche:  Twitter testa la versione aggiornata della propria applicazione

Quest’ultimo è dotato di quattro microfoni che andrebbero a rafforzare la tesi di Parker, l’azienda potrebbe aver implementato i microfoni, anche per ascoltare meglio le conversazioni tra gli utenti. Il dispositivo Echo Input è dotato dell’intelligenza artificiale di Alexa anche se non è un vero e proprio smart speaker. Si tratta per lo più di un dispositivo in grado di far interagire l’utente con l’assistente vocale.

L’accusa di Parker è molto grave anche se al momento, né l’attuale presidente di Facebook, Mark Zuckerberg, né la piattaforma di e-commerce capitanata da Jeff Bezos, hanno voluto rilasciare delle dichiarazioni. Non ci resta che attendere qualche giorno e scoprire se Parker farà scatenare una vera e propria causa che coinvolgerà la piattaforma.