sony

Dopo mesi, Sony ha finalmente iniziato a consentire il cross-play tra PlayStation 4 e altre console come la Nintendo Switch e Xbox One. Giochi come Fortnite e Rocket League hanno adesso l’abilitazione al cross-platform già da gennaio. Ma questi due rimangono gli unici titoli ad avere accesso a questa novità, e alcuni sviluppatori stanno chiamando Sony per dirgli idi smettere di aiutare nel processo i “soliti nomi“.

Da parte sua, la Sony  ha dichiarato in un’intervista a Game Informer questa settimana informando che la società è “aperta al business” quando si parla di multiplayer cross-console, aggiungendo: “abbiamo tutto quello che serve, sia per gli editor che per gli  sviluppatori che desiderano abilitare questa funzione nei propri giochi.

 

Anche RestEra e Hi-Rez nel progetto

Ma al di fuori di Rocket League e di Fornite (due dei più grandi titoli più giocati al mondo), questo cambiamento sembra non toccare altre case produttrici. Seguendo le osservazioni di Layden, il CEO di Chucklefish Games che ha preso parte ai forum di ResetEra,  il suo team aveva riscontrato problemi con Sony per Wargroove, che supporta già il cross-platform Xbox One, PC e Switch. A quanto pare il team “ha fatto molte richieste di crossplay (sia attraverso l’account manager che direttamente con ii piani alti), ma alla fine l’accordo è saltato“.

Stew Chisam, amministratore delegato dello studio HiRez, ha presentato su Twitter delle lamentele simili oggi, chiedendo alla Sony di “smettere di giocare con i preferiti” e notando che la sua squadra ha Smite, Paladins e Realm Royale pronti per il cross-play. (Smite ha appena lanciato il cross-play oggi per tutte le piattaforme tranne lche sulla PlayStation 4).