apple_calo_vendite

Nel 2017, come scusa per le prestazioni in declino di iPhone, Apple ha eseguito un programma di sostituzione delle batterie per soli 29 euro. Gli utenti non solo hanno approfittato della “promozione”, ma hanno scoperto che le prestazioni dei loro device sono aumentate notevolmente con le nuove batterie.

Questa decisione metterebbe in evidenza l’attuale posizione di Apple e uno dei diretti responsabili delle deboli vendite dei nuovi modelli di iPhone. Tim Cook ha rivelato in una riunione con i dipendenti che Apple ha cambiato 11 milioni di batterie nel 2018, un aumento sostanziale tenendo conto della media di 1-2 milioni all’anno. I milioni di utenti che hanno approfittato del programma hanno scoperto che potevano trascorrere più tempo senza il pensiero di ricaricare i device, senza sentire la necessità di cambiarli.

Le nuove batterie hanno dato respiro ai device, il cruccio predominante che colpisce la decisione dei clienti del marchio di Apple di scambiare i loro vecchi smartphone per la versione più economica del modello attuale, iPhone Xr, con conseguente vendite deboli e grande segnale di avvertimento dello stato attuale della società. Più a lungo durano i vecchi modelli, più viene posticipata la decisione di sostituirlo con un nuovo modello, quindi meno vendite di iPhone.

Leggi anche:  Apple, ora è possibile regalare un mese gratuito di Apple Music agli amici

 

Un triste trimestre

È in questo contesto che Tim Cook ha rivisto i guadagni del primo trimestre del 2019 dagli 89 miliardi di dollari previsti agli 84 miliardi di dollari giustificati dalle vendite in declino dell’iPhone. Il programma di sostituzione della batteria è stato uno dei motivi della ricaduta, aggiungendo agli effetti della guerra commerciale USA-Cina, nonché minori incentivi per gli operatori ad abbassare i prezzi delle apparecchiature ai loro clienti.

Nonostante l’attuale situazione di Apple, che ha subito una svalutazione nel mercato azionario, la società ha pagato il premio annuale a Tim Cook di 12 milioni di dollari. Era il suo più grande bonus annuale per l’anno fiscale 2018, per aver infranto record di profitti tanto da diventare un marchio da un trilione di dollari, superando il miliardo di dollari. Anche il CEO del colosso di Cupertino ha ricevuto uno stipendio di tre milioni di dollari e un portafoglio azionario del valore di 121 milioni di dollari e $682.000 in bonus. Questo premio sarebbe associato a obiettivi di profitto e di profitto operativo, che sono aumentati del 16% su base annua.