Quando i clienti decidono di attivare una nuova tariffa Tim, Vodafone o Wind Tre, devono fare attenzione ad alcuni servizi aggiuntivi che possono aumentare il costo mensile dell’offerta.

Questo problema lo stanno riscontrando tanti utenti, principalmente quelli che durante l’attivazione sono distratti e di conseguenza non sono attenti a tutte le caratteristiche presenti all’interno dell’offerta. Inoltre, alcuni rivenditori autorizzati non informano i clienti di questi particolari, visto che hanno come obiettivo quello di vendere l’offerta.

Altri rivenditori più precisi ti informano di questi servizi aggiuntivi, e per poterli disattivare ti consigliano di chiamare il servizio clienti di riferimento dell’operatore telefonico.

 

I servizi aggiuntivi che vengono trascurati dai clienti

La maggior parte delle offerte presenti (se non tutte) di Tim, Vodafone e Wind Tre, oltre a contenere i soliti bundle per comunicare e navigare, sono composte anche da alcuni servizi aggiuntivi che tendono a far incrementare il costo mensile.

Leggi anche:  TIM, Wind Tre, Vodafone ed Iliad: scopriamo le migliori offerte di gennaio

Uno di questi servizi è la famosa ‘Segreteria telefonica’ che prevede un costo di diversi centesimi ogni qualvolta viene utilizzata. Se ad esempio chiamiamo un numero telefonico che ha attivo questo servizio, subiamo l’addebito dello scatto alla risposta che è all’incirca di 0,22€. Invece, ascoltando un messaggio che ci viene lasciato in segreteria il costo può arrivare fino a 1,50€/giorno.

Stesso discorso si può fare con il ‘piano base’ che si tratta di un servizio aggiuntivo utilizzato per i servizi di extrasoglia di comunicazione e navigazione. Quest’ultimo prevede un costo mensile salato, ed è per questo che la maggior parte dei clienti tende ad esercitare la disattivazione oppure il cambio con un piano che non include costi fissi.