Ogni anno, Mark Zuckerberg annuncia la risoluzione del suo nuovo anno. Negli anni passati ha deciso di affrontare compiti più insignificanti: imparare il mandarino e viaggiare in tutto il paese. Ma nel 2019, vuole essere più ambizioso affrontando grandi questioni relative al ruolo della tecnologia nel nostro mondo.

Zuckerberg ha intenzione di fare queste domande sulle piattaforme delle sue aziende affinché tutti possano vederle, magari parlando con altri dirigenti della Silicon Valley. La sua sfida per il 2019 è di ospitare una serie di discussioni pubbliche sul futuro della tecnologia nella società. Saranno incluse in queste discussioni anche le opportunità, le sfide, le speranze e le ansie, ha scritto Zuckerberg.

Mark Zuckerberg butta un occhio al futuro

Nel suo post, Zuckerberg ha posto domande su intelligenza artificiale, crittografia, comunità online, creazione di posti di lavoro, decentralizzazione e altro. Sono tutte questioni morali e socioeconomiche cui i leader del settore hanno lottato per anni.

Leggi anche:  Facebook: il down ha svelato che la piattaforma analizza le nostre foto

Non è chiaro quando e dove si svolgeranno queste discussioni, ma ascoltare Zuckerberg su queste domande ponderate non può essere una brutta cosa. La trasparenza è stata una delle richieste più importanti che i critici della società hanno fatto a Zuckerberg negli ultimi anni.

Ma le ansie dello scorso anno, che circondano l’integrità delle elezioni e le notizie false, non sono scomparse solo dopo l’evento di Capodanno a Times Square. Nel suo incarico, Zuckerberg ha detto che si aspetta di continuare a concentrarsi sugli scandali cui la sua compagnia è stata accusata, con le rivelazioni di Cambridge Analytica e le elezioni del 2016.

“Ho intenzione di mettermi là fuori più di quanto mi sia comodo e di impegnarmi di più in alcuni di questi dibattiti sul futuro, i compromessi che affrontiamo e dove vogliamo andare”, ha detto.