A quanto pare, anche Apple alla fine ha ceduto. Il prossimo iPhone, infatti, sarà finalmente equipaggiato da un sensore biometrico per il riconoscimento delle impronte digitali integrato nel display.

 

Il prossimo iPhone avrà un sensore biometrico integrato nel display?

Quest’anno Apple ha rinnovato la sua line up di smartphone con ben tre nuovi device: iPhone XS, iPhone XS Max e iPhone XR. Si tratta di nuovi device che non vanno a stravolgere quanto fatto con il modello del decennale dell’azienda presentato lo scorso anno, l’iPhone X. Il design di tutti e tre, infatti, risulta pressoché identico a quello dello scorso modello. A cambiare, ovviamente, sono le prestazioni, grazie ad un processore più potente rispetto al passato.

In realtà, con questi nuovi iPhone l’azienda non è riuscita ad invogliare molto i propri utenti ad effettuare un upgrade dei vecchi device. Questi nuovi tre terminali, infatti, sono sì interessanti, ma non portano comunque delle vere novità evidenti rispetto a prima. Tuttavia, a quanto pare, il colosso di Cupertino ha finalmente deciso di cambiare rotta.

Leggi anche:  Samsung Galaxy S10 e iPhone 2019 saranno dotati di un obiettivo con ripresa 3D

Stando a quanto detto sul portale Gizchina, infatti, Apple avrebbe finalmente deciso di introdurre sui prossimi iPhone una feature che la concorrenza del mondo Android ha ormai introdotto da tempo. Stiamo parlando della presenza di un sensore biometrico per il riconoscimento delle impronte digitali integrato nel display. Fino ad ora, infatti, l’azienda ha ritenuto che non fosse necessaria questa tecnologia in quanto i propri dispositivi dispongono di un eccellente riconoscimento del volto facciale 3D.

Ma ora è finalmente arrivato il momento di introdurre questa nuova tecnologia anche sui device di Apple. Tuttavia, questa sarà una tecnologia rinnovata rispetto al passato. I prossimi iPhone, infatti, dovrebbero avere un sensore biometrico per le impronte ad ultrasuoni, un po’ come dovrebbe essere anche sul prossimo Galaxy S10 di Samsung. Per ora non vi è nulla di ufficiale, ma sarebbe sicuramente una feature che molti utenti Apple apprezzerebbero.