I magazzini per le scorte di cibo, per una Brexit no-deal nel Regno Unito, potrebbero essere vuoti in quanto acquistati da Amazon. La Federazione Food and Drink ha avvertito che tutti gli spazi disponibili congelati e refrigerati erano stati presi – ma nessuno sapeva da chi.

Quello che non sappiamo è se ci siano prodotti reali in quei luoghi”, ha detto Ian Wright, amministratore delegato della federazione. E ha aggiunto: “C’è qualche pettegolezzo, sulla prenotazione da parte di Amazon per il suo ingresso nel mercato alimentare dei prossimi mesi. Ogni rivenditore è inevitabilmente terrorizzato da questa prospettiva”. 

Amazon ha acquistato talmente tanti magazzini per le sue scorte che il Regno Unito non ha più depositi per l’emergenza Brexit

Theresa May ha rivelato a luglio che erano in corso piani per accumulare cibo – nel caso in cui le importazioni dall’UE venissero tagliate se il Regno Unito dovesse crollare senza un accordo per la Brexit. Tuttavia, il signor Wright ha detto che lo spazio era ormai quasi finito, e a quanto pare è colpa del gigante dell’e-commerce.

Leggi anche:  Amazon: tra poche ore il Black Friday, ecco le prime offerte in esclusiva per tutti

Amazon è stata contattata per un commento sulle accuse per aver acquistato depositi disponibili nel Regno Unito. Sia il signor Wright che Ian Rayson, di Nestlé, hanno messo in dubbio che una soluzione sia mai stata trovata per offrire un commercio senza attriti, evitando il ritorno di un confine difficile, soprattutto in Irlanda. “Non siamo a conoscenza di tecnologie in grado di risolvere magicamente il problema“, ha dichiarato Rayson al comitato. E il signor Wright ha detto: “Quando i politici vi diranno che ci sarà una soluzione [per l’Irlanda] quasi certamente non sanno di cosa stanno parlando”.