Google e The Walt Disney Company hanno annunciato oggi l’avvio di una nuova partnership. Nello specifico, l’annuncio conferma che tutte le proprietà della Disney si stanno ora spostando su Ad Manager di Google, che da ora in poi fungerà da “piattaforma tecnologica core per la pubblicità” Disney.

In altre parole, la piattaforma pubblicitaria di Google è ora la piattaforma pubblicitaria della Disney. Mentre le due società hanno ora confermato l’accordo, le specifiche dell’accordo non sono state fornite. Invece, l’annuncio descrive semplicemente come l’accordo potrebbe durare alcuni anni. Di particolare importanza in quanto significa che non include solo canali di proprietà Disney, come Disney, ABC e ESPN, ma anche Marvel, Pixar e Star Wars. Google ha fatto questo annuncio nel contesto di una “espansione” in quanto è ciò che è accaduto tecnicamente, considerando che Google e Disney avevano già un buon grado di successo.

È interessante notare che Disney, da molto tempo, dovrebbe lanciare il proprio servizio di streaming. Questo di per sé dovrebbe essere un grosso problema, in quanto la Disney renderà disponibile l’accesso on-demand alle sue entità popolari e redditizie in una posizione centralizzata per un piccolo prezzo rispetto ad avere il costo in bundle con un piano più costoso. Quindi, con la conferma che Google è ora responsabile degli aspetti legati alla pubblicità dell’ecosistema Disney, è probabile che diventi un’attività ancora più indipendente dalla piattaforma e redditizia una volta che il servizio di streaming sarà attivo e funzionante.

Leggi anche:  Google Pixel 3: un nuovo bug corrompe il corretto funzionamento della videocamera

Google e Disney collaboreranno per aumentare il già rinomato successo di entrambe le aziende

È un po’ presto per dire come questo avrà un impatto sul mercato, ma lo farà. La piattaforma Disney è molto impegnativa e redditizia. Avere una strategia pubblicitaria più coerente consentirà un approccio più uniforme. Ciò che è più significativo di questo accordo è che probabilmente rappresenta quanto seriamente la Disney stia ora ottenendo lo streaming in generale. Poiché si tratta di un accordo che avrà un impatto su tutti i modi in cui i contenuti relativi a Disney vengono consumati.

Inoltre, questa visione più mondana della Disney su ciò che ora costituisce un “dispositivo TV” è fondamentale. Infatti, aggiunge ulteriore supporto al suggerimento che l’imminente Disney + della compagnia si avvicina alla sua fase di rilascio. Arriverà come un’entità adeguatamente pianificata e pronta per il mercato. Ovviamente, c’è anche l’impatto per Google, poiché è probabile che rappresenti un affare di alto valore per l’azienda, porterà una quantità decente di entrate aggiuntive a quella che è un’attività commerciale già redditizia. Google ha reso chiaro che vede un grande valore nel nuovo mondo della TV.