Il capo del personale medico della Gran Bretagna è stato incaricato dal segretario alla salute Matt Hancock di elaborare linee guida ufficiali sui limiti di tempo per l’uso dei social media.

Hancock ha dichiarato di essere molto preoccupato come padre. Ha dimostrato sempre più l’effetto negativo che i social media hanno sulla salute dei giovani. Così ha detto di aver incaricato Dame Sally Davies di preparare una guida ufficiale sui limiti di tempo che funzionerebbero in modo simile ai limiti di alcol. “Sono, come padre, molto preoccupato per le crescenti prove dell’impatto dei social media sulla salute mentale dei bambini“, ha detto a The Observer.

“L’uso illimitato (dei social media) da parte dei bambini più piccoli rischia di essere molto dannoso per la loro salute mentale. Così ho chiesto al chief medical officer di presentare una guida formale sul suo utilizzo da parte dei bambini”. Alcune app di social media, come Facebook e Instagram, hanno recentemente adottato alcune misure preventive. Esse mirano a mitigare le paure della dipendenza introducendo strumenti che consentono agli utenti di monitorare e limitare il loro tempo sulle piattaforme.

Leggi anche:  Facebook vuole sapere troppo sulla nostra vita privata

Passiamo troppo tempo sui social network e un medico del Regno Unito sta cercando di impedirlo

Apple ha anche rilasciato una funzione “screen time” simile ad Instagram, che funziona in modo simile su tutto l’iPhone. Nel frattempo, sono state lanciate campagne pubbliche come Scroll Free September. L’intento è incoraggiare il pubblico a utilizzare meno i social. L’iniziativa, della Royal Society for Public Health (RSPH), ha chiesto alle persone di smettere di usare piattaforme come Facebook, Instagram, Twitter e Snapchat nel mese di settembre, o di ridurre il tempo a loro dedicato.

Quasi due terzi degli utenti intervistati a luglio hanno preso in considerazione l’idea di prendere parte all’iniziativa. Molti credono che l’abbandono dei social media avrebbe avuto un impatto positivo sulla loro vita, secondo un sondaggio RSPH. “I termini di riferimento di Facebook e Instagram dicono che non dovresti esserci sopra se hai meno di 13 anni. Eppure non fanno nulla per garantire che avvenga. Le linee guida per WhatsApp dicono che non dovresti esserci a meno che tu non abbia 16 anni. Ma di nuovo, non sollevano un dito”.