android-app

È estremamente difficile per gli sviluppatori ottenere benefici per il loro lavoro. Non solo perché vendere le app non è sempre troppo semplice, ma anche spesso l’utente è confuso circa il prezzo e la reale utilità dell’app. Sappiamo che il Play Store non è “pulito” come dovrebbe, nonostante gli sforzi di Google.

 

Le applicazioni che non fanno ciò che promettono

Per cominciare, un’applicazione che promette centinaia di test in modo che gli utenti possano vedere come saranno quando saranno anziani, o chi la star che più gli assomiglia o gli amici li amano di più dovrebbero far accendere qualche campanello d’allarme. Ciò che potrebbe essere una semplice applicazione di intrattenimento che non va oltre l’essere curiosi, ma diventa una trappola per le persone più fiduciose.

Il problema? Per ottenere i risultati è necessario abbonarsi. Alcune di queste app non ha malware, di per sé non sono applicazioni non sicure nonostante il permesso di accedere al telefono e all’ID (anche se questo dovrebbe già essere avvisato). Il problema è che usano un trucco così sporco da essere segnalate. Queste app sono spesso gratuite e promettono di indovinare come si sarà in un futuro e è il gancio.

Leggi anche:  Android: riconoscimento facciale illuso da un finto volto, iPhone X impenetrabile

Una volta attivato l’abbonamento, queste app riservano un altro tentativo contro la privacy: devi accedere con il tuo profilo Facebook in modo che l’applicazione riceva i tuoi dati personali.

Gli sviluppatori cercano di catturare abbonamenti incauti che, dopo tre giorni, si dimenticano di aver scaricato per visualizzare una singola immagine. E riceveranno un abbonamento di quasi 11 euro al mese che, sicuramente, non avranno la minima idea di dove viene o di come annullarlo.

Sicuramente ottenere migliaia di euro al mese di abbonamenti catturati in modo ingannevole e per un prodotto che non è conforme a ciò che gli utenti si aspettavano non è pratica lusinghiera. Ma questo accade di frequente.

Questa strategia di abbonamento dovrebbe essere penalizzata da Google. Non solo offre funzionalità completamente false, ma anche il tempo di test è il più breve possibile per gli sviluppatori e permette loro di ottenere denaro velocemente. La soluzione migliore è diffidare ed essere cauti.