Facebook

Il social network Facebook è stato sotto i riflettori per diversi mesi a causa dello scandalo Cambridge Analytica che lo ha coinvolto qualche tempo fa. Ora ha deciso di prendere delle precauzioni ed ha annunciato delle nuove misure.

L’azienda di Mark Zuckerberg ultimamente si sta dando molto da fare per cercare di riconquistare i clienti persi negli ultimi mesi. Da pochi giorni ha infatti annunciato anche la possibilità di cancellare i messaggi inviati su Messenger, prima che vengano letti.

 

Facebook prende delle nuove misure contro le molestie

Dopo la decisione di Google, anche il social network blu ha voluto annunciare delle novità che riguardano il tema delle molestie sessuali. L’obiettivo è quello di garantire più trasparenza nei casi che coinvolgono direttamente i propri dipendenti. D’ora in poi, tutti quelli che denunceranno casi di molestie, non saranno più vincolati dalla clausola obbligatoria che imponeva in precedenza di ricorrere ad una mediazione extragiudiziale.

Leggi anche:  Minds è l'alternativa a Facebook che consente anche di guadagnare

Prima di oggi infatti, la clausola prevedeva che, tutti i dipendenti che denunciavano una molestia, dovessero ricorrere ad una mediazione extragiudiziale piuttosto che ad un processo pubblico. Un addetto alle comunicazioni dell’azienda ha dichiarato: “La clausola arbitrale sarà d’ora in poi solo facoltativa, le molestie non hanno posto presso Facebook“.

La policy interna è stata modificata insieme all’introduzione delle nuove misure. I dirigenti e i manager di un certo livello, saranno ora obbligati a notificare al dipartimento delle risorse umane, una loro relazione con un altro dipendente per evitare abusi. Stessa norma che ha introdotto anche il gigante di Mountain View.