Un’infografica realizzata dal sito web di beni di consumo Hometop mostra tutti gli smartphone Android di Google. Una sorta di modo per ripercorrere la storia di questi device dal primo, l’HTC Dream o G1, fino ai tanto annunciati Pixel 3 e Pixel 3 XL.

L’infografica mostra in quali anni è uscito ogni smartphone e alcuni dettagli su di loro. Tra essi ad esempio è specificato cosa potrebbero aver fatto prima di qualsiasi altro telefono, quali chipset li alimentano e quanta RAM supportano. Se ti senti nostalgico per i vecchi dispositivi Android o sei nuovo nel settore e vuoi sapere la linea evolutiva fino ai nuovi dispositivi Pixel, vale la pena dare un’occhiata.

Come accennato prima, il viaggio inizia con l’umile HTC Dream, noto come G1 stateside. Era il primo dispositivo Android e aveva una tastiera slide-out e uno schermo che potrebbe essere quasi definito estremo nella sua piccolezza rispetto agli standard odierni. Notevoli soste lungo il percorso includono Nexus S, il rivoluzionario Galaxy Nexus. Trattasi del dispositivo che ha debuttato insieme ad Android 4.0 Ice Cream Sandwich e ha introdotto il linguaggio di design Holo che definirà l’era di Android 4. Inoltre porterà a Material Design. Il massiccio e costoso Nexus 6 in seguito ha portato la linea Nexus nello spazio premium e ha debuttato su Android 5.0 Lollipop e Material Design. Naturalmente, l’elenco delle menzioni d’onore include anche i primi smartphone Pixel e Pixel XL. Quest’ultimi hanno mostrato al mondo cosa succede quando Google non solo collabora con un produttore di smartphone ma si reinventa.

Leggi anche:  Google Pixel 3: comparse altre notizie sul modello midrange della serie

Google sta creando il proprio design per smartphone, ed è una tendenza che sembra destinata a continuare in futuro. Come hanno dimostrato Pixel 3 e Pixel 3 XL, ogni Pixel sarà sempre nettamente migliore del suo predecessore. Potresti vedere nuove funzionalità, chip più potenti, design leggermente modificati e altri piccoli dettagli. Finora la lineup Pixel deve ancora deviare dalle sue radici in modo significativo, e non è del tutto negativo. Basta chiedere a tutti i fan di Apple o Samsung.

In seguito l’infografica rilasciata per ripercorrere la storia di Google: