“I robot stanno arrivando” è una frase che ascoltiamo spesso in questi giorni. Aziende tecnologiche come Amazon, Apple, Google e Facebook mettono i loro cervelli migliori per lavorare sull’intelligenza artificiale.

Si parla della quantità di perdite di posti di lavoro che ci si aspetta incrementerà. L’adozione di robot di vario tipo è ritenuta tra le principali cause. I robot sono già con noi. Ad esempio sono nel settore automobilistico da anni. Stanno facendo un numero crescente di compiti banali. Ma non sono sempre così bravi. La loro propensione può farli sembrare più come perdenti amabili che come a volte sono ritratti come nei programmi televisivi: una sorta di mandria di Terminator.

Consideriamo ad esempio Amazon. Il burro versato per terra in una sua sede è bastato per confondere alcune macchine automatiche utilizzate. L’azienda ha più di 100.000 robot per raccogliere e trasportare i prodotti intorno ai suoi enormi magazzini, ma chi li gestisce ha detto qualcosa di importante in un recente evento al Massachusetts Institute of Technology: “non hanno buon senso”. Quando il burro di popcorn è stato schiacciato sul pavimento, i robot l’hanno visto, hanno pensato che sarebbe stato meglio controllarlo, e tutto è finito per scivolare verso l’alto. Tutto ad un tratto c’era del burro dappertutto.

I robot conquisteranno e domineranno tutti noi un giorno, secondi alcuni invece sono solo innocui oggetti d’ausilio

Auto a guida autonoma? Stanno ancora andando in crash. Poi c’era quel bot di sicurezza che si è annegato in una piscina in un centro commerciale degli Stati Uniti. Questi e tanti altri. È vero che Amazon ha interesse a far sembrare i robot più teneri che spaventosi. Così fanno molte altre attività tecnologiche e alcune delle attività che sperano di trarne beneficio.

Leggi anche:  Google vuole aiutarci a gestire i dispositivi con occhiali intelligenti

Tuttavia, il punto di vista di Brady secondo cui attualmente sono complementari al personale umano è almeno degno di considerazione. Ed è forse l’unico valido, poiché per il momento non c’è pericolo che i robot ci riescano a sovrastare come ripetuto spesso da molte aziende. Un giorno, forse, lo faranno, chissà. Al momento sono solo un aiuto in più. Le casse automatiche, per esempio, devono ancora sbarazzarsi degli operatori di cassa nei supermercati. Perché? È perché sono spazzatura le casse automatiche.

Ad esempio il governatore della Bank of England Mark Carney ha detto che i robot potrebbero porre problemi simili a quelli visti durante la rivoluzione industriale. Inoltre potrebbero alimentare l’ascesa del marxismo. Questo non intacca il dibattito che dobbiamo avere su questa tecnologia, sul modo in cui viene utilizzata, sull’impatto che potrebbe avere, e in particolare sull’etica. Forse l’unico punto da prendere dal lato più leggero della loro avanzata è che i robot sono ancora in definitiva progettati e costruiti dagli umani, e gli umani, anche i più intelligenti di loro, sono imperfetti e sbagliano.