Google Assistant d’ora in poi canterà ‘Happy Birthday’ agli utenti senza bisogno di chiederlo. Secondo l’utente di Reddit “estish14”, la funzione è stata scoperta quando è stato chiesto all’Assistente di parlargli della giornata.

Se è il giorno del tuo compleanno, l’assistente di Google prosegue informandoti: “Oggi è il tuo compleanno! Buon compleanno!” dopo il bollettino del meteo. Subito dopo canterà la canzone che tutti conosciamo, la celebre “Happy Birthday to you”. All’interno del testo, il nome dell’utente viene sostituito con “la persona più straordinaria del mondo”. Con il senno di poi, la funzione dovrebbe essere per qualsiasi assistente digitale in esecuzione ed è in grado di riconoscere singoli utenti tramite la voce. Oltre a ciò, la storia di etish14 sembra davvero evidenziare i tocchi umani che Google ha aggiunto al suo assistente nel tempo.

Google Assistant sembra più umano di quanto non lo sia, augura persino buon compleanno agli utenti

L’utente in questione racconta addirittura che Google Assistant sia riuscito ad intonare la canzone per 40 minuti. Dopotutto, è abbastanza facile chiedere a Google Assistant di cantare Happy Birthday tramite una semplice richiesta. Tuttavia, è indubbiamente molto più incisivo quando i sistemi guidati dall’intelligenza artificiale fanno qualcosa che è normalmente collegato alla cultura umana, di loro spontanea volontà.

Leggi anche:  WUDRome: Alexa, Siri e Google Home nel progetto d'interfacce grafiche Voice User

Questo è senza dubbi la più ampia varietà di risposte umane che varie aziende hanno permesso alla loro I.A. di usare. Dunque, è facile capire perché le persone siano diventate così attaccate nell’ultimo anno o giù di lì. Anche se forse un po’ meno comprensibili sono le oltre 450.000 proposte di matrimonio fatte tramite il software in India ad aprile. Va da sé che ci sono e probabilmente saranno sempre le preoccupazioni relative alla privacy e alla sicurezza con tali piattaforme. Detto questo, la crescita di queste piattaforme, come sperimentato nell’ultimo anno, continuerà quasi certamente finché Google e altri continueranno a migliorare la funzionalità e ad aiutare gli utenti a iniziare bene la giornata.