Samsung Galaxy

Samsung ha iniziato il rilascio di altri due aggiornamenti contendenti le patch di sicurezza Android più recenti. Stiamo parlando di Samsung Galaxy A6 e Galaxy A8 (2018) che in queste ore stanno ricevendo rispettivamente la versione XXU1ARE7XXU2ARE1.

LEGGI ANCHE: AnTuTu ci dice quali sono gli smartphone Android più potenti di aprile 2018

La prima sta interessando i modelli di Galaxy A6 venduti in Francia mentre la seconda viene già notificata in automatico dai Galaxy A8 (2018) venduti in Italia. Le novità, stando alle note di rilascio, sono identiche per entrambi i dispositivi e comprendono miglioramenti alle prestazioni e alla stabilità e le patch di sicurezza del mese di maggio 2018.

Quest’ultime sono particolarmente importanti perché risolvono sei vulnerabilità critiche di Android, altre falle nel sistema di sicurezza ad alto e moderato rischio oltre a sette vulnerabilità che riguardavano solo il software Samsung. Problemi che avrebbero permesso a qualunque malintenzionato di prendere il controllo del nostro dispositivo.

 

Samsung Galaxy A6 e Galaxy A8 (2018), come aggiornare il software di sistema

Aggiornare è importantissimo. I possessori di Samsung Galaxy A6 dovranno attendere che la distribuzione dell’aggiornamento arrivi anche in Italia, altrimenti possono procedere al download manuale del firmware disponibile a questo indirizzo. I possessori di Samsung Galaxy A8, invece, dovrebbero aver già ricevuto la notifica dedicata.

In caso contrario si dovrà forzare la ricerca di nuove versioni software dalle impostazioni, scegliendo il menu dedicato agli aggiornamento. Una procedura per la quale consigliamo la connessione WiFi attiva e la batteria completamente carica; soprattutto nel momento in cui viene avviata l’installazione.

In entrambi i casi la procedura non elimina alcun dato personale e non modifica alcuna impostazione. Tuttavia, il produttore coreano consiglia sempre di eseguire un backup almeno dei dati più importanti. In caso di anomalie o strani malfunzionamenti consigliamo di eseguire un wype cache riavviando lo smartphone in recovery.