L’assistente con intelligenza artificiale di Amazon, Alexa, assisterà presto i medici d’emergenza in ambulanza. Trattasi del servizio privato di ambulanze Brewster, che recentemente ha confermato l’integrazione dell’assistente digitale nei suoi veicoli.

L’implementazione iniziale si baserà sulle unità Echo Dot. Dunque, si inizierà con le casse acustiche abilitate ad Alexa più economiche di Amazon, la cui seconda generazione è attualmente in vendita a 49,99 dollari. Così si cerca di fornire agli EMT di Brewster e al personale delle ambulanze un modo più intuitivo per accedere alle guide sulle procedure di emergenza e informazioni critiche per un’adeguata assistenza ai loro pazienti. Chiedere ad Alexa di tali argomenti servirà quindi come alternativa alle lunghe guide, sia digitali che fisiche.

Il personale medico addestrato padroneggia le basi delle cure di emergenza prima ancora di essere messo al lavoro. Nonostante ciò, i professionisti del settore a volte fanno affidamento sulle guide quando si tratta di lesioni o malattie meno comuni. Il tal modo si mira a garantire che le cure fornite siano di altissimo livello qualità.

Con Amazon Alexa il servizio d’emergenza sulle ambulanze sarà ancor più efficiente

L’integrazione di Alexa nelle ambulanze della compagnia consentirà ai suoi rispondenti di ricontrollare rapidamente le varie pratiche. Ciò semplicemente facendo domande o tramite comandi ad Alexa mentre si procede, senza nemmeno distogliere lo sguardo dai pazienti. L’azienda non ha ancora preso impegni a lungo termine. I test probabilmente avranno luogo in primavera, prima di decidere se la tecnologia è sufficientemente affidabile da giustificare un’implementazione su scala più ampia.

Leggi anche:  Amazon accusata di vendere troppi oggetti con falce e martello

Le prove iniziali si svolgeranno in diversi veicoli e potrebbero iniziare verso giugno. Al momento non è chiaro per quanto tempo Brewster sta pianificando che dureranno i suoi test. Alexa potrebbe finalmente farsi strada verso le ambulanze che operano in dozzine di comunità in tutto il Rhode Island e nel Massachusetts, dove l’azienda è attualmente operativa. Al di fuori di tali implementazioni, Amazon ha recentemente lavorato per portare Alexa a veicoli più personali. Ciò per fare concorrenza ad Android Auto di Google e soluzioni CarPlay di Apple.