La NASA a lavoro sugli aerei supersonici: i primi test entro il 2022La NASA ha selezionato la società Lockheed Martin Aeronautics per creare un aereobasso impatto sonoro, noto anche come “X-plane“. Il progetto, la costruzione e le prove dell’aereo hanno un prezzo stimato di 247,5 milioni di dollari.

L’aeromobile avrà la capacità di raggiungere i 18.000 metri ad una velocità di 1.500 chilometri all’ora. E, la cosa più importante, è che produrrà un suono di 75 decibel che, per avere un’idea, ricorda la chiusura di una portiera.

La compagnia lavorerà alla fabbricazione dell’aeromobile fino al dicembre 2021, e poi la NASA eseguirà le valutazioni corrispondenti che permetteranno di decidere se la tecnologia supersonica funziona e se sarà in grado di essere utilizzata.

Si prevede che entro il 2022 l’aeromobile effettuerà rotte in diverse città degli Stati Uniti. Si tratterà di città non ancora determinate, per raccogliere dati e raccogliere risposte della comunità, la cui scelta è destinata ad un secondo momento e a determinati parametri.

Uno spazio “silenzioso”

L’obiettivo è quello di rendere più silenzioso il volo supersonico e creare “nuovi mercati di voli merci e commerciali in viaggi aerei più veloci del suono“, ha fatto sapere la NASA.

Il mese scorso, il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha firmato un bilancio federale che finanzia interamente il progetto, dicendo che il nuovo velivolo “aprirà un nuovo mercato per le compagnie statunitensi per costruire aerei di linea più veloci, creando posti di lavoro e tagliando i tempi di volo“.

Ma i posti passeggeri non fanno parte del progetto a cui sta lavorando Lockheed Martin, almeno non ancora.

Innanzitutto, l’azienda deve dimostrare che è possibile volare su un aereo supersonico silenzioso. Quindi, le regole dell’Amministrazione dell’aviazione federale dovrebbero essere modificate al fine di sollevare l’attuale divieto di voli civili supersonici sulla Terra.

Leggi anche: Il primo hotel di lusso nello spazio in costruzione: si chiama Aurora Station e sarà attivo dal 2021