Sembra che almeno uno dei telefoni Huawei abbia un problema serio con Android Auto. Ci sono segnalazioni sui problemi che si verificano nei forum di assistenza ufficiali di Google dedicati a tale piattaforma.

La problematica è stata segnalata da almeno due individui e sembra concentrarsi principalmente intorno al Mate 10 Pro di Huawei. Inoltre, i sintomi del problema sembrano cambiare a seconda del ricevitore utilizzato nel veicolo. Tuttavia, i risultati sono effettivamente gli stessi. In un caso, sia lo schermo del telefono che lo schermo del ricevitore sono diventati completamente vuoti. Nell’altro caso, Android Auto era disattivato e non disponibile. In entrambi i casi i dispositivi e i ricevitori erano aggiornati in termini di software. Nel frattempo, un membro del team di supporto di Android Auto ha risposto per richiedere ulteriori informazioni. Quindi, per lo meno, Google sta esaminando la questione.

Secondo altre fonti, si dice che Huawei stia lavorando al problema e non farà una dichiarazione ufficiale fino a quando non scoprirà la fonte alla base del problema. Inoltre, afferma di aver risolto il problema già su diversi altri smartphone. Le segnalazioni del problema hanno avuto inizio nel 2016 e di nuovo nel 2017.

Huawei sta fronteggiando numerose critiche per gli smartphone che non permettono di usare correttamente Android Auto

Il problema rimane un tema molto discusso in merito a almeno diciannove dispositivi realizzati dall’azienda. Alcuni telefoni sono stati riparati, quindi gli utenti sono comprensibilmente sconvolti. Ci sono probabilmente differenze chiave nel software che rendono difficile risolvere il problema a livello generale.

Tutto ciò potrebbe potenzialmente equivalere a un incubo pubblicitario se non per il fatto che l’utilizzo generale di Android Auto è generalmente ancora piuttosto basso. Ciò è reso ancora più vero quando viene presa in considerazione la popolarità sempre crescente del produttore di cellulari cinese. Anche piccoli errori a questo punto possono avere un impatto enorme sulla percezione pubblica. Con un po’ di fortuna, tutto ciò sarà evitato nei futuri smartphone dell’azienda.