Che Samsung sia pronta a rendere scaricabile un nuovo aggiornamento per il Galaxy Note 8 è cosa nota. Questi update vengono distribuiti assieme alle Patch di sicurezza datate Gennaio 2018, che fixa le pericolose vulnerabilità Spectre e Meltdown.

Ora, stando a quanto scoperto dai ragazzi di XDA, l’aggiornamento conterrebbe un nuovo bootloader. A causa di ciò, non sarà più possibile effettuare il downgrade dello smartphone . MA non solo: impedisce anche l’uso della mod Principe Comsy di Odin.

Odin è uno strumento Samsung utilizzato per flashare o reinstallare nuovi firmware. Quando Samsung realizza uno smartphone Android, rimuove o aggiunge alcune caratteristiche come fastboot e bootloader.

Lo strumento funziona con tutti i moderni smartphone Samsung, ma può flashare solo firmware con numeri di modello precisi. Ecco quindi che entra in gioco Comsy, il quale ha realizzato una versione modded di Odin ed in grado di funzionare su ogni smartphone Samsung.

In tal senso, grazie a Cosmy, è possibile flashare firmware anche di altre regioni, purchè essi siano compatibili con lo smartphone interessato. Ora, purtroppo, a causa del nuovo bootloader ciò non sarà più possibile.Questo significa anche che se si ha un Samsung canadese e si desidera flashare il firmware degli Stati Uniti, non è più possibile farlo. Questo perché, anche se entrambi i sistemi sono firmati da Samsung, i numeri di modello non corrispondono.

Leggi anche:  Samsung Galaxy Note 9: trapelato il render per la stampa della colorazione Lilac Purple

Attualmente, non v’è alcun modo per ripristinare con Odin uno smartphone brick, proprio a causa del nuovo bootloader.

Ovviamente, la situazione si ripercuote anche per i Note 8 europei con Chipset Exynos, i quali hanno iniziato a ricevere l’aggiornamento di gennaio solo pochi giorni fa. L’update porta con sè le medesime patch per il bootloader descritte pocanzi.

Colpiti anche Galaxy S8 ed S8 Plus, ma solo nella beta di Oreo. Le modifiche al software tramite Odin (come downgrade) sono ancora possibile, ma solo perché il nuovo bootloader non è stato installato, il che significa che l’eFUSE sulla scheda madre non è stato installato. Una volta che queste build ottenere la nuova revisione BLv3, dunque la modifica sarà permanente.