Huawei-accessori-terze-parti

Secondo quanto riferito, l’azienda cinese leader nella produzione di smartphone e di reti per il network, Huawei ha installato un’applicazione di terzi parti chiamata GoPro Quik su alcuni dispositivi senza avvisare gli utenti o chiedere il consenso.

Incredibile il nuovo caso che coinvolge alcuni dispositivi Huawei

Un numero di utenti Huawei ha riferito che i propri terminali sono stati improvvisamente dotati dell’app Quik di GoPro per l’editing video, secondo quanto riferito dal rapporto di Android Planet. L’app GoPro Quik è una versione rivisitata di GoPro Replay lanciata sul Google Play Store nel 2016. Si tratta, essenzialmente, di uno strumento gratuito di editing video per il mobile che consente di modificare i contenuti con testi, filtri colore, effetti a rallentatore e di velocità. L’app dispone anche di uno strumento di animazione e di transizione che adatta automaticamente le clip video a ritmo di musica.

Huawei ha riconosciuto il problema ed il portavoce di Huawei Olanda ha affermato che l’installazione è frutto di un errore interno. L’azienda ha annunciato le proprie scuse ed ha riferito che i suoi sviluppatori stanno esaminando la questione. Inoltre, i rappresentanti dell’azienda hanno suggerito agli utenti interessati di ripristinare l’applicazione Quik alla versione di fabbrica e successivamente disinstallarla. Questo perché l’app, almeno apparentemente, acquisisce la posizione di un’app di sistema e non può essere facilmente rimossa.

Leggi anche:  Tablet: calano le vendite dei tablet del 13,5% ma continua a crescere Huawei

Nel frattempo, se i proprietari dei telefoni Huawei interessati sono preoccupati per la questione, sfortunatamente, non è ancora chiaro quando arriverà la soluzione definitiva. Il caso è stato segnalato in Olanda, paese in cui si sono registrati la maggior parte dei casi e potrebbe essere l’unico paese dove è possible trovare dispositivi Huawei afflitti da questo problema. Il rapporto non ha menzionato il numero di modelli Huawei effettivamente interessati ma si è esclusivamente soffermato ad elencare che i device interessati sono solo il nuovo Mate 10 Pro e l’Honor 9.